Il mondo della scuola

Conto alla rovescia alla maturità, impegno in provincia per oltre 3300 studenti: "E' un attimo di vita"

La prima prova si svolgerà mercoledì ed è finalizzata ad accertare sia la padronanza della lingua italiana (o della diversa lingua nella quale avviene l’insegnamento) sia le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche degli studenti

Conto alla rovescia per l'esame di stato, che prenderà il via mercoledì con la prova d'italiano come da tradizione. In provincia di Forlì-Cesena saranno 3.389 gli studenti che si cimenteranno con la 'maturità; di questi 1.555 sono liceali, 1.243 iscritti agli istituti tecnici e 591 agli istituti professionali. A questi si aggiungono candidati iscritti a percorsi di istruzione degli adulti: 31 hanno frequentato un istituto professionale, 42 un tecnico, mentre 22 sono i liceali. Sono previste due prove scritte a carattere nazionale e un colloquio.

La prima prova si svolgerà mercoledì ed è finalizzata ad accertare sia la padronanza della lingua italiana (o della diversa lingua nella quale avviene l’insegnamento) sia le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche degli studenti. Si terrà con modalità identiche in tutti gli istituti e ha una durata massima di sei ore. La seconda prova riguarda una o più delle discipline che caratterizzano il corso di studi. Il colloquio si svolgerà dopo gli scritti e riguarda anche l’insegnamento trasversale dell'educazione civica. Si tratta di un colloquio in chiave pluri e interdisciplinare durante il quale la commissione valuta sia la capacità del candidato di cogliere i collegamenti tra le conoscenze acquisite sia il profilo educativo, culturale e professionale dello studente. Saranno 83 le commissioni esaminatrici, composte da commissari interni ed esterni e presiedute da un presidente esterno.

"Cercate di prepararvi, ben prima della celebre “notte prima degli esami”, canzone ormai colonna sonora di ogni studente che ha raggiunto questo traguardo e di cui proprio quest’anno ricorre il quarantesimo anno dall’uscita - è il consiglio del direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia- Romagna, Bruno Di Palma, rivolgendosi agli studenti -. Altrettanto con sicurezza, ricordate che questo è un attimo di vita, della vostra vita, che avrà tante altre occasioni e momenti importanti, quindi non fatevi sopraffare dall’ansia o dalla tensione. Come ha detto qualcuno molti anni fa, “Gli esami non finiscono mai”". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conto alla rovescia alla maturità, impegno in provincia per oltre 3300 studenti: "E' un attimo di vita"
CesenaToday è in caricamento