Erano destinate ai suoi dipendenti, l'imprenditore cinese dona oltre 200 mascherine

Sono destinate agli agenti della Polizia Locale, ai Carabinieri e agli operatori della Protezione Civile. "Un gesto che ci inorgoglisce e ci unisce"

Non si ferma la solidarietà a Cesena: dopo l’avvio delle misure restrittive tese a contenere la diffusione del contagio da COVID-19 e la conseguente chiusura delle attività commerciali, un imprenditore cinese ha deciso di donare le mascherine, inizialmente destinate ai suoi dipendenti, agli agenti della Polizia Locale, ai Carabinieri e agli operatori della Protezione Civile. 

Al momento l’azienda cesenate ha donato un primo lotto di centinaia di dispositivi di protezione annunciando che un secondo carico è in arrivo. “Questo gesto – commenta l’Assessore alla Polizia Locale Luca Ferrini – ci inorgoglisce e ci rende uniti in un momento davvero sensibile per il nostro Paese. Il centro commerciale ECO srl di Cesena, gestito da un imprenditore cinese da tanti anni qui a Cesena, ha sospeso l’attività con l’arrivo dei primi casi di nuovo Coronavirus in Italia. Poi, con la chiusura dell’attività ha desiderato tendere la mano alla sua città e a coloro, Agenti, Forze dell’ordine e operatori, che ogni giorno sono operativi sul territorio perché tutti rispettino le nuove norme in vigore. Con questo atto simbolico, la comunità cinese locale desidera offrire il proprio sostegno al territorio per fronteggiare la carenza di materiale sanitario, oltre che ad aiutare così il contenimento della propagazione del virus. Ne siamo grati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come spiega lo stesso imprenditore, enormemente grato alla comunità cesenate per essere stato accolto anni fa, con il registrarsi dei primi focolai in Italia, la comunità cinese ha stabilito la chiusura delle attività commerciali tutelando soprattutto i soggetti più deboli (anziani, bambini, immunodepressi e disabili). Le mascherine acquistate, di tipo FFP (Filtering Facepiece Particles, in italiano Facciale filtrante contro le particelle), erano destinate al personale dell’azienda e non alla grande distribuzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento