Formazione professionale, l'Enaip di Forlì-Cesena diventa fondazione

E’ iniziato con molte novità il 2015 per En.A.I.P. Forlì-Cesena, l’Ente ACLI per l’Istruzione Professionale, attivo oramai da più di 50 anni in vari ambiti, dalla formazione per minori all’inserimento lavorativo per giovani, adulti e disabili

E’ iniziato con molte novità il 2015 per En.A.I.P. Forlì-Cesena, l’Ente ACLI per l’Istruzione Professionale, attivo oramai da più di 50 anni in vari ambiti, dalla formazione per minori all’inserimento lavorativo per giovani, adulti e disabili, fino a corsi di formazione superiore e di alta formazione, ai servizi alle aziende e all’inclusione sociale.
 
E’ di questi giorni, infatti, la trasformazione dell’ente in Fondazione En.A.I.P. Forlì-Cesena, un passaggio necessario per la gestione di una realtà sempre più complessa a livello organizzativo, per una più efficace attività di formazione volta allo sviluppo di competenze personali e professionali, oltre che per garantire la tutela di un patrimonio maturato e consolidatosi negli anni. Tutto questo, confermando, proprio in un momento di notevoli trasformazioni economiche, giuridiche ed anche istituzionali, i principi e le finalità per cui l’ente è sorto. A presiedere la Fondazione En.A.I.P. è stata confermata la Professoressa Margherita Collareta, già presidente dell’Ente dal 2012.
 
Presente con cinque sedi tra Cesena e Forlì per un totale di 50 tra aule e laboratori, forte di uno staff di 150 docenti professionisti qualificati che ogni anno seguono oltre 1.000 corsisti che hanno accesso ad un network di circa 400 tra aziende ed organizzazioni, l’Ente che afferisce alle ACLI Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani, nel passaggio a Fondazione si arricchisce al proprio interno di una significativa rappresentanza del mondo dell’impresa. Del nuovo Comitato tecnico-scientifico, infatti, faranno parte la Camera di Commercio di Forlì-Cesena (Alessandra Roberti, Capo servizio Promozione economica), Rinnova Romagna Innovazione (Ing. Roberto Camporesi), soggetto nato in seno alla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì-Cesena; accanto a questi, ci sarà anche Caritas Forlì, rappresentata dal direttore Sauro Bandi, a ribadire la natura e l’impegno di En.A.I.P. in termini solidaristici, attraverso iniziative concrete rivolte alle fasce più deboli. Anche grazie a questo nuovo organismo qualificato, En.A.I.P. compie un significativo salto di qualità come interlocutore con il mondo economico, confermandosi come una realtà in grado di incidere profondamente sul territorio, e non solo.
 
La trasformazione in Fondazione consente ad En.A.I.P. Forlì-Cesena di affrontare in maniera ancora più competitiva le sfide del mondo del lavoro e dell’impresa, in un mercato in piena trasformazione che necessita di strumenti per rinnovarsi e per accogliere risorse preparate e rispondenti alle esigenze del settore. In primo luogo, il ripensamento dello scenario in un’ottica di Area Vasta (complice anche l’abolizione delle Province), allarga l’arena competitiva alla Regione e proprio per questo la Fondazione En.A.I.P. come primo atto dalla propria costituzione, ha sottoscritto un Contratto di rete con gli enti omologhi di Bologna, Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Rimini. Gli Enti di formazione ACLI della Regione, attraverso la moderna forma del contratto di rete, danno vita ad un circuito dalla struttura snella e capace di proporre servizi formativi e non solo, in un ambito allargato: il network si metterà alla prova da subito con la prossima programmazione Europea (Fondi Sociali Europei 2014-2020) per cui saranno pubblicati i bandi nelle prossime settimane e per la quale si potranno sviluppare nuovi progetti con maggior qualità e rinnovato slancio.
 
Il percorso intrapreso da En.A.I.P. Forlì-Cesena rientra nell’ambito di una programmazione strategica triennale di riorganizzazione e ha visto un pieno e convinto appoggio dell’ente nazionale, come ha dimostrato la presenza ieri a Forlì e Cesena della Presidente Nazionale En.A.I.P., Paola Vacchina, in occasione della presentazione della Fondazione. La Presidente nella mattinata ha visitato i laboratori e le sedi didattiche di Cesena di Via Savolini, via Roverella e di Piazzetta don Ravaglia, incontrando i ragazzi impegnati nelle attività presso le officine meccaniche di via Savolini e nei laboratori di inserimento lavorativo di Corso Comandini, oltre che il punto vendita dei prodotti realizzati dai ragazzi diversamente abili, anch’esso in via Comandini.

Nel pomeriggio, poi, la visita è proseguita a Forlì dove, nella storica sede di Via Campo di Marte, ha preso parte alla presentazione della Fondazione insieme allo staff dirigente ed agli operatori En.A.I.P.


Per ulteriori info: www.enaip.forli-cesena.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento