rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Emilia Romagna in zona gialla, Bonaccini attacca i no vax: "Affollano le terapie intensive"

Così il presidente dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, intervenendo mercoledì sera su Radio 24

L'Emilia-Romagna sarà in giallo dal 10 gennaio "perché i non vaccinati intasano le terapie intensive". La conferma viene dal presidente dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, intervenendo mercoledì sera su Radio 24. "In Emilia-Romagna nei reparti di terapia intensiva abbiamo tre quarti dei pazienti che non sono non vaccinati", sottolinea Bonaccini aggiungendo che in regione i non vaccinati sono un "decimo dei vaccinati". "Basta aver fatto la quinta elementare- aggiunge allora il governatore- per capire che il rischio per chi non si vaccina è talmente elevato che noi passeremo in gialla la prossima settimana perchè i non vaccinati intasano i reparti di terapia intensiva. E noi li curiamo tutti, ci mancherebbe altro", sottolinea il dem. 

Apprensione per il ritorno sui banchi dopo le festività di Natale. "Se sarà una falsa partenza quella della scuola visto il numero di contagi? Da questo punto di vista nessuno ci può far niente", dice Bonaccini, confermando le intenzioni del Governo in vista del 10 gennaio: verrà stabilito un numero di contagi in classe oltre il quale scatterà la Dad per tutti, per "evitare che tutti vengano contagiati". Al di là di questo, afferma il presidente dell'Emilia-Romagna, "si cercherà di fare di necessità virtù augurandoci che entro la fine del mese il picco sarà raggiunto e si cominci a crescere".

Bonaccini precisa in premessa: "io sono tra coloro, come la maggioranza dei presidenti, che non hanno mai chiesto di chiudere le scuole. Noi vorremmo la scuola in presenza, dopodiché bisogna essere realisti e non vivere di eufemismi". Dunque le scuole apriranno ma pronte a passare in modalità Dad a seconda dei contagi. "L'invito e' vaccinarsi il più possibile per evitare chiusure ma comunque dopo pochi casi scatta la Dad. Vedremo il testo finale del Governo, ma presumo siano uno per le materne e le elementari, due alle medie e tre o quattro alle superiori". Una soluzione che secondo Bonaccini non cadrà troppo lontano dalle richieste dei governatori: "alla fine si arriverà poi a quello che le regioni hanno chiesto". (fonte Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emilia Romagna in zona gialla, Bonaccini attacca i no vax: "Affollano le terapie intensive"

CesenaToday è in caricamento