Emergenze in caso di forti nevicate e ghiaccio, il Comune spiega ai cittadini cosa fare

“Si tratta di normali accorgimenti che rientrano nei comportamenti civici di ciascun cittadino che vive in un territorio di montagna" ha spiegato il Sindaco Marco Baccini

Il Sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini ha diramato ieri a tutti i cittadini una comunicazione contenente alcune informazioni utili e norme di comportamento da tenere in caso di forti nevicate e ghiaccio.

“Si tratta di normali accorgimenti che rientrano nei comportamenti civici di ciascun cittadino che vive in un territorio di montagna – ha spiegato il Sindaco – nella consapevolezza che il piccolo gesto di ognuno contribuisce fattivamente alla buona gestione della situazione complessiva dei nostri centri abitati”. 

Le indicazioni sono state pubblicate sul sito del Comune di Bagno di Romagna (www.comune.bagnodiromagna.fc.it) e riportano una lista di numeri utili da contattare in caso di emergenza, tra cui Comune di Bagno di Romagna 0543 900411, Centro Operativo Comunale (solo in caso di attivazione) 0543 900447, Comando Polizia Municipale 0543 900404, Numero Unico Emergenze (Carabinieri, Polizia di Stato, Emergenza Sanitaria) 112, Vigili del Fuoco 115, Presidio Ospedaliero (Ospedale Angioloni) di S. Piero in Bagno 0543 904111, Corpo Forestale dello Stato 1515, ENEL segnalazione guasti rete 803500, Farmacie: San Piero in Bagno 0543 917151, Bagno di Romagna 0543 911012, HERA 800 713 900, ANAS 051 63011067, 3358100761, SGR gas 800900147, Telecom 187.

Nella sua missiva informative il Sindaco ha evidenziato quali sono i reciproci compiti del Comune e dei Cittadini in caso di nevicate.
"Al verificarsi di nevicate, una volta raggiunti determinati livelli del manto nevoso, intervengono mezzi spartineve e i relativi addetti, che hanno il compito prioritario di rendere il più possibile percorribili le strade pubbliche ed i marciapiedi nei centri urbani, secondo un programma di interventi che segue il criterio delle priorità, dando precedenza alla pulizia degli accessi alle Scuole ed all’Ospedale, per poi intervenire sui marciapiedi nei centri abitati, sempre con un criterio che privilegia l’accesso e il collegamento a luoghi sensibili, come gli Uffici pubblici, le farmacie. Eventuali ritardi nelle operazioni – precisa Marco Baccini – possono essere causati da emergenze contingenti non previste, come guasti improvvisi ai mezzi oppure connesse a danni emergenti da gestire (cadute di alberi, cedimenti stradali, etc.)".

"Durante e dopo una nevicata anche i cittadini sono chiamati a collaborare, con una serie di accortezze e oneri, quali in primo luogo quello di rimuovere la neve dal proprio passo carraio o dal proprio accesso privato, compresa la porzione di marciapiede prospiciente, di utilizzare l’automobile soltanto in caso di assoluta necessità, non camminare nelle vicinanze di alberi e prestare attenzione, soprattutto in fase di disgelo, ai blocchi di neve o ai ghiaccioli che possono cadere dai tetti, controllare i tetti e le condizioni di stabilità degli alberi di proprietà sia in aree private che al confine di strade e aree pubbliche e rimuovere situazioni di pericolo come rami fragili o accumuli eccessivi di neve".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paurosa carambola all'incrocio: fa un filotto di schianti, 8 veicoli danneggiati. Si contano 2 feriti gravi

  • Vuole andare alla Festa del Maiale, ma sbaglia strada: fa inversione e finisce nel fosso

  • Tenta di impiccarsi alla ringhiera del balcone, salvato in extremis: grave un giovane

  • "Soffoco", l'infarto lo coglie mentre va al lavoro: salvato dalla Polizia municipale

  • Caos Sanremo, anche da Cesena critiche ad Amadeus: "Prenda le distanze da Junior Cally"

  • La Polizia arresta due fratelli sulla E-45: dovevano scontare una pena di 4 anni di reclusione

Torna su
CesenaToday è in caricamento