"Email dolose", la Camera di commercio lancia l'allarme: "Non pagate"

La Camera di commercio della Romagna lancia l’allarme su comunicazioni inviate, tramite posta elettronica certificata a imprese e professionisti

La Camera di commercio della Romagna e il sistema camerale italiano, lanciano l’allarme su un’ondata di email dolose, inviate da PEC – posta elettronica certificata – a imprese e liberi professionisti, con oggetto “Esazione diritto annuale 2020". Queste comunicazione non provengono dalla Camera di commercio e non hanno avuto origine dalle procedure di gestione del diritto annuale. Il mittente degli invii è sempre diverso e la particolare pericolosità deriva da un link o un allegato, contenenti virus o malware.

La Camera di commercio della Romagna, invita imprenditori e professionisti, in caso di ricezione di comunicazioni di questo tenore, a non aprire il link o l’allegato e a non pagare (nel caso venga richiesto).


La camera di commercio ricorda che il pagamento del diritto annuale va eseguito in unica soluzione tramite il modello di pagamento unificato F24, già utilizzato per il versamento delle imposte sui redditi, solo con modalità telematica.

Il diritto annuale, inoltre, ha scadenza con il primo acconto delle imposte sui redditi (in genere 30 giugno) e, l’invio dell’informativa della Camera di commercio, avviene intorno alla metà del mese di giugno. Le informative con gli importi del diritto annuale, poi, sono sempre chiaramente riconducibili alla Camera, con il logo e il mittente ben visibili.

Il sistema camerale si è attivato per contenere il fenomeno delle email sospette e sono in corso contatti con i fornitori di posta elettronica certificata per valutare eventuali contromisure e per veicolare l'allerta nel modo più efficace. Anche i sistemi di posta stanno reagendo e bloccando le comunicazioni o rimuovendo gli allegati, ma la principale difesa resta sempre la prudenza: il malware, infatti, cambia in continuazione le sue caratteristiche proprio per sfuggire ai controlli delle difese automatiche.

Purtroppo queste segnalazioni si aggiungono a quelle in essere da anni, relative a bollettini di pagamento o richieste di iscrizione a registri, inviate da soggetti che nulla hanno a che vedere con le Camere di commercio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per aiutare gli utenti a tutelarsi, la Camera ha predisposto, sul proprio sito istituzionale (www.romagna.camcom.it), una sezione dedicata a “pratiche commerciali scorrette - Informazioni utili”. In caso di dubbio, è consigliabile contattare l'Ufficio Relazioni con il Pubblico della Camera di commercio della Romagna: email: urp@romagna.camcom.it – tel. 0543 713422. 
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento