rotate-mobile
Cronaca Sogliano al Rubicone

Ecco il futuro del centro storico di Sogliano, svelati i risultati del processo partecipativo "Concentro"

Visioni, progetti ma anche raccomandazioni, idee e senso d’appartenenza: i risultati del confronto sul futuro del centro storico di Sogliano al Rubicone parlano di una comunità attenta a preservare e migliorare i propri patrimoni ma anche desiderosa di fare un “passo in più”

A Sogliano al Rubicone si è concluso il processo partecipativo “C.O.N.CENTRO+: Condividere Opportunità Nuove per un centro storico più vitale”: idee e visioni per il centro storico del futuro.  La Sindaca Tania Bocchini, soddisfatta, desidera ringraziare tutti i soglianesi e le soglianesi che, numerosi e propositivi, hanno partecipato al percorso: «A noi è servito per perfezionare la nostra strategia e dare direzione agli investimenti che inseriremo nel bilancio al quale stiamo lavorando. La risorsa più importante si è rivelata essere la nostra comunità che sarà coinvolta nei prossimi mesi ad accogliere anche attraverso il racconto».
Lunedì 3 ottobre presso Palazzo Ripa Marcosanti l’Amministrazione Comunale ha presentato gli esiti del percorso. 

Visioni, progetti ma anche raccomandazioni, idee e senso d’appartenenza: i risultati del confronto sul futuro del centro storico di Sogliano al Rubicone parlano di una comunità attenta a preservare e migliorare i propri patrimoni ma anche desiderosa di fare un “passo in più”. La partecipazione collettiva alla definizione di esigenze e proposte è stata sviluppata attraverso il progetto “C.O.N.CENTRO+ Condividere Opportunità Nuove per un centro storico più vitale” promosso dall’Amministrazione Comunale e avviato a febbraio dopo aver vinto il bando regionale dedicato alla partecipazione LR 15/18.  Il progetto ha avuto una durata complessiva di 6 mesi ed è stato caratterizzato da una lunga fase di ascolto iniziale, con interviste e un questionario con più di 300 risposte ricevute, seguita da una fase più ideativa con 6 laboratori progettuali organizzati in 3 giornate. 

Sottolinea il Comune: "Tutto il progetto è stato accompagnato da un tavolo di negoziazione che ha visto il protagonismo delle principali realtà organizzate del territorio e la proficua presenza dei rappresentanti della Consulta Giovani. Si è aggiunto in chiusura di progetto anche il contributo dei Garanti Locali: rappresentanti dei Comuni di Santarcangelo di Romagna e Cervia, oltre che dell’Università di Urbino che con occhio terzo hanno valutato le proposte dei cittadini e raccomandato attenzioni per il loro sviluppo.  Dal confronto è emerso un centro senz’altro raccolto e accogliente ma poco vivace nonostante le opportunità presenti (dai patrimoni alle iniziative) e la comunità soglianese - con occhio attento anche alla cura dei dettagli e alla manutenzione - ha intravisto in alcune criticità il seme di possibili sfide: mantenere il proprio carattere di “luogo tranquillo”, innovando la cura e la fruizione dei propri patrimoni più significativi, rendendo il centro propulsore di una vita di comunità che deve spaziare in tutto il territorio, intrecciando nuove relazioni con e fra le frazioni". 

"Sono emerse numerose diverse proposte per gli edifici del centro oggi in disuso o sottoutilizzati, tutte incentrate su una rifunzionalizzazione che integri usi formali e informali, attività stabili con altre temporanee, e con un importante elemento comune: questi luoghi ”Ex” e in attesa devono divenire spazi al servizio della comunità, per un centro più accogliente non solo per turisti ma anche per bambini, anziani e soprattutto giovani.  Tutte le idee sono state raccolte nel documento di proposta partecipata: un atto che formalizza gli esiti del progetto C.O.N.CENTRO+ e che ha già ricevuto la validazione del Tecnico di Garanzia Regionale, disponibile sulle pagine web dedicate nel sito del Comune. I contributi raccolti con il questionario sono stati sintetizzati in un report dedicato, anch’esso disponibile sul sito del Comune.  Ecco i primi passi del cammino che faremo insieme come Comunità: Progettazione “Sentieri del Sentire”;   Istituzione dell’Ecomuseo;  Rifunzionalizzazione di Palazzo Ripa Marcosanti;  Sperimentazione della Foresteria Pop Up;  Rifunzionalizzazione dell’Ex Casa del Fascio in una nuova e funzionale Casa dei Talenti, per il fare che aggrega". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco il futuro del centro storico di Sogliano, svelati i risultati del processo partecipativo "Concentro"

CesenaToday è in caricamento