Baccini negli studi Rai, La Vita in Diretta tiene accesi i riflettori sull'emergenza E45

Il sindaco di Bagno di Romagna ospite nel salotto di Rai Uno: "Anas intervenga nel più breve tempo possibile"

"Un tratto di superstrada che collega parti nevralgiche dell'italia, siamo tra Arezzo e Cesena, la E45 è chiusa dal 16 gennaio. E' un'arteria fondamentale, basti pensare che collega Italia e Norvegia". La giornalista Francesca Fialdini introduce così l'emergenza E45, la Vita in Diretta su Rai Uno si occupa del caso e ospita in studio il sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini.

"E' una grande emergenza - esordisce Baccini - molti studenti sono costretti a seguire le lezioni via Skype perchè impossibilitati a spostarsi". Poi la giornalista lancia un collegamento da Pieve Santo Stefano con sindaco, imprenditori e semplici abitanti, che espongono uno striscione "i dimenticati della E45". La titolare dell'autogrill racconta come abbia dovuto mettere in ferie forzate  gli 8 dipendenti. "Non ci sono grosse novità sulla riapertura", spiega il sindaco della cittadina toscana.

"Per il viadotto del Puleto Anas parla di degrado superficiale - spiega la Fialdini - Anas non è voluta intervenire in trasmissione, mentre la Procura di Arezzo dice che c'è il pericolo di crollo".

Baccini fa un po' di chiarezza sulla situazione: "Vogliamo rispettare l'operato della magistratura, la sicurezza dei cittadini è al primo posto, chiediamo però che Anas intervenga nel minor tempo possibile a ripristinare le condizioni di sicurezza. L'economia locale sta subendo danni economici gravissimi, i lavori erano stati preventivati per primavera, ma ora bisogna intervenire immediatamente. Stiamo parlando di un tratto di strada dove passavano 30mila veicoli al giorno".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento