Due nuovi casi di Coronavirus a Savignano, il sindaco: "Dobbiamo tenere botta"

Giovannini: "Si tratta di due donne di 33 e 49 anni, stanno bene e si trovano in isolamento a casa"

Ci sono due nuovi casi di Coronavirus a Savignano. L'aggiornamento attraverso Facebook, del sindaco Filippo Giovannini: "Si tratta di due donne di 33 e 49 anni, stanno bene e si trovano in isolamento a casa. La risposta di Savignano alle restrizioni forti di queste settimane è stata molto positiva ma dobbiamo continuare. Dobbiamo tenere botta, perché dipende anche da noi, da quando il virus avrà una fase recessiva". Infine l'appello: "Sono settimane non semplici, chiedo ai cittadini di restare in casa, ma senza paura e rimanendo lucidi, restando in casa toglieremo ossigeno a questo virus".

Giovannini con un’ordinanza ha disposto la chiusura fino al prossimo sabato 29 marzo dei cimiteri cittadini. La decisione dà seguito all’ordinanza regionale che restringe ulteriormente le indicazioni del decreto ministeriale dello scorso 11 marzo. L’obiettivo dei provvedimenti è quello di limitare qualunque occasione di assembramento delle persone per contribuire a contenere la diffusione del contagio. I cimiteri chiusi al pubblico sono il Centrale, in viale della Repubblica, capoluogo, il cimitero della frazione di Fiumicino e il cimitero di San Giovanni in Compito. Sono garantite le attività necroscopiche e funebri.

Da oggi, mercoledì 18 marzo e fino al 3 aprile, è inoltre disattivata la Casa dell’acqua sita nel parco Don Riccardo Cesari. Proseguono intanto senza sosta i controlli delle Forze dell’Ordine, volti ad assicurare il rispetto da parte della popolazione dell’indicazione di non uscire di casa se non per motivi urgenti e non differibili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Vi ricordo – continua il Sindaco Giovannini – che grazie alla collaborazione di tutte le farmacie, degli esercizi alimentari di media distribuzione, della Protezione civile e delle associazioni di  volontariato, è attivo un servizio rivolto alle persone fragili che possono chiedere la consegna a domicilio di farmaci e  beni primari. Per trascorrere meglio questo tempo nelle nostre case, abbiamo ideato il format #Savignanosuldivano. Vi invito a seguirlo, perché il risultato di un lavoro dei savignanesi per i savignanesi”. Il numero per contattare il servizio di consegna cibo e farmaci a domicilio è 0541 942044.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento