Due cantieri al via per il consolidamento strutturale di ponti e sottopassi ferroviari

Gli interventi, nel Comune di Savignano, permetteranno una marcia più veloce dei convogli

Un potenziamento della linea ferroviaria che permetterà, una volta conclusa, di rendere più veloce ed efficace il trasporto su ferro anche a Savignano, permettendo ai convogli di toccare quota 200 km orari: il cantiere Rfi di consolidamento e messa in sicurezza della linea Bologna-Rimini, in corso da febbraio 2015, arriva ora a Savignano per un intervento di potenziamento strutturale su due infrastrutture cittadine. La velocizzazione della Direttrice Adriatica Bologna-Lecce, infatti, non si implementa solo con l'ammodernamento di binari e convogli, ma passa anche per ponti ferroviari e sottopassi. Come già fatto a maggio 2016 tra Forlimpopoli e Cesena per i due ponti sul torrente Bevano e sull’affluente Ponara, questo 2017 vede interessati dai lavori anche le infrastrutture di Castel San Pietro e Dozza nel bolognese, di Castel Bolognese nel faentino e appunto due collegamenti a Savignano.

Il primo cantiere partirà quindi martedì 18 aprile, protraendosi fino al 31 maggio, al sottopasso ciclopedonale tra via Saffi e via della Repubblica: i tecnici incaricati da Rfi interverranno sull'intradosso delle travi applicando una specifica lamina in fibra di carbonio che le renderà più performanti nel sorreggere l'aumentato carico dinamico. “L'intervento - spiega il sindaco Filippo Giovannini - non è in alcun modo collegato al recente passaggio ciclopedonale riqualificato nel 2016 ma interesserà l'infrastruttura ferroviaria in carico a Rfi: i due interventi non potevano pertanto essere svolti contestualmente. Per permetterne lo svolgimento il sottopasso dovrà essere chiuso al traffico per qualche settimana, ma sfrutteremo questa occasione anche per ultimare i lavori di smussamento della pendenza della rampa per le bici: abbiamo atteso un po' più di tempo del previsto proprio per limitare i disagi abbinando i due interventi in un'unica sessione”.

Da inizio maggio poi partiranno anche i lavori di rinforzo al ponte sopra via Nazario Sauro, con l'area sosta di via Carducci destinata all'allestimento del cantiere fino a fine giugno. Per garantire invece lo scorrimento del traffico la chiusura alla viabilità sotto il ponte sarà solo parziale, con l'istituzione del senso unico alternato: dall'8 al 27 maggio sarà chiuso il lato Rimini, dal 28 maggio al 23 giugno la corsia opposta. Per i soli due giorni conclusivi, fino al 25 giugno, l'intera carreggiata sarà interdetta al traffico. “Qualche rallentamento alla circolazione sarà inevitabile – conclude l'assessore ai Lavori pubblici Stefania Morara – ma l'intervento è un'opportunità di ammodernamento e messa in sicurezza delle nostre strutture che, senza gravare sulle casse comunali, ci restituirà una mobilità ferroviaria e stradale più sicura e moderna”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il mondo dell'imprenditoria cesenate è in lutto: è morto Augusto Suzzi, fondatore della 'Suba'

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

  • I numeri settimanali del Covid, il Cesenate è l'area più colpita: forte aumento dei contagi

  • Ristoratrice apre le porte del suo agriturismo e accoglie 58 clienti a pranzo e cena: denunciata

  • Coronavirus, approvato il nuovo decreto: divieto di spostamento tra regioni fino al 15 febbraio

Torna su
CesenaToday è in caricamento