Dramma di Lampedusa, Lucchi: "L'Europa agisca per fermare il traffico criminale di esseri umani"

La bandiera a mezz'asta sulla facciata di Palazzo Albornoz in adesione alla giornata di lutto nazionale proclamato per i morti nel naufragio davanti alla costa di Lampedusa, "è il segno tangibile del turbamento e del dolore che anche Cesena ha provato giovedì"

La bandiera a mezz’asta sulla facciata di Palazzo Albornoz in adesione alla giornata di lutto nazionale proclamato per i morti nel naufragio davanti alla costa di Lampedusa, "è il segno tangibile del turbamento e del dolore che anche Cesena ha provato giovedì, davanti alle immagini terribili che arrivavano dall’isola". Così il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, commentando il dramma che si è consumato nel mar Mediterraneo.

"Questa strage degli innocenti, come l’ha definita il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, non può e non deve essere dimenticata nel giro di pochi giorni, con l’attenuarsi della commozione: di fronte ad essa occorre un’assunzione di responsabilità da parte di tutti quelli che – a diverso titolo – hanno il potere e il dovere di intervenire - ha evidenziato il primo cittadino -. Bene ha fatto il Capo dello Stato a indicare la necessità assoluta di decisioni e azioni da parte della Comunità internazionale e in primo luogo dell'Unione Europea per riuscire a stroncare il traffico criminale di esseri umani, in cooperazione con i paesi di provenienza dei flussi di emigranti e richiedenti asilo, e al tempo stesso a richiamare il nostro Paese a una politica di accoglienza rispondente a principi fondamentali di umanità e solidarietà".

"Una comunità locale come la nostra non può intervenire sulle scelte internazionali, se non segnalando la propria adesione a queste istanze, ma può dare il proprio contributo mostrando la solidarietà che la contraddistingue e che ha già dimostrato nei fatti tante volte. E a manifestare quella solidarietà c’è quella bandiera a mezz’asta sul Palazzo Comunale e il minuto di silenzio che abbiamo osservato durante l’inaugurazione della scuola materna di Bora", ha concluso Lucchi. Un minuto di silenzio ha preceduto l’apertura del Festival del Cibo di strada, che Cesena ospita in questo fine settimana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento