menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dove non arriva la scuola ci pensano i genitori: con la Festa di Primavera la raccolta fondi

A fare la differenza tra una scuola e l'altra, quindi, sono proprio loro: i genitori e la loro caparbietà nel voler ottenere risultati tangibili

Dove non arriva la scuola arrivano i genitori: questo ormai è il trend della scuola italiana costretta, in questi ultimi anni, a fare i conti con sempre meno risorse a disposizione. A fare la differenza tra una scuola e l'altra, quindi, sono proprio loro: i genitori e la loro caparbietà nel voler ottenere risultati tangibili. Una scuola che si distingue sempre per originalità e concretezza è l'elementare Saffi del 3° Circolo didattico di Cesena. In questi ultimi tre anni i genitori sono riusciti, tramite raccolta fondi legata a iniziative creative (mercatini artigianali, vendita di piantine con vasi decorati dai bambini, lotteria a premi...) a racimolare parecchi soldi con cui hanno acquistato ben 5 lim (lavagne interattive multimediali).

Anche oggi si è ripetuta un'iniziativa simile in occasione della festa di Primavera organizzata dalla scuola. I bambini hanno cantato e letto poesie all'interno del suggestivo chiostro di San Domenico, mentre i genitori hanno venduto le piantine abbellite con fiori di carta e frasi scritte dagli stessi scolari. Alla fine della mattinata il Comitato Genitori "Saffi" è riuscito a raccogliere quasi 800 euro con i quali, in accordo con gli insegnanti del Saffi e il dirigente del 3° Circolo, ha in progetto di acquistare sedie e banchi per realizzare un'aula 3.0, dove poter svolgere lezioni di didattica attiva. Si tratta di banchi componibili (spesso trapezoidali) per svolgere lezioni capovolte dove sono gli stessi alunni a cooperare tra di loro e a fare lezione agli stessi compagni sotto la supervisione di un insegnante. Si possono creare isole con gruppi di alunni o disporli tutti in cerchio. L'importante è che siano classi flessibili, dinamiche, che si discosti dalla classica visione della lezione frontale. Del resto se è vera la frase "Se ascolti dimentichi, se vedi ricordi, se fai impari" il metodo di rendere gli scolari protagonisti, centro del loro apprendimento, può essere vincente. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento