Orogel fonda il doposcuola aziendale: "Sarebbe bello che da qui uscisse un futuro nostro dirigente"

E' l'idea di Orogel che da metà settembre ha fatto partire "C'Entro", un doposcuola per i figli dei dipendenti proprio a due passi dal posto di lavoro

E' un vero e proprio doposcuola, con orari flessibili ed educatori professionali. E' un servizio che risponde alle esigenze delle famiglie negli otto anni (elementari e medie) in cui un bambino ha più bisogno di un supporto esterno sia nel fare i compiti che nel migliorare il rapporto con gli altri. E' l'idea di Orogel che da metà settembre ha fatto partire "C'Entro", un doposcuola per i figli dei dipendenti proprio a due passi dal posto di lavoro (nella sala della Parrocchia di Pievesestina), con orari flessibili (dalle 13 alle 19), l'attivazione di corsi originali e con la presenza di educatori professionali e aggiornati. Il doposcuola conta già 27 iscritti (dai 6 ai 14 anni) che lo frequentano con regolarità anche più volte a settimana. 

"Non è pensato come un parcheggio per bambini - spiega Bruno Piraccini, amministratore delegato Orogel - ma come un momento educativo importante. Anzi mi piacerebbe dire che potrebbe diventare un doposcuola di formazione per la futura classe dirigenziale. Infatti, abbiamo già pensato di introdurre, dopo le normali attività  che sono fare i compiti di scuola e qualche gioco,  anche corsi per imparare a parlare in pubblico, fare teatro, giochi di squadra che insegnano a condividere un percorso. Sarebbe bello che un futuro dirigente dell'Orogel, fra 30 anni, potesse dire di aver fatto i suoi compiti proprio qui". 

Nel frattempo il doposcuola - gestito dalla cooperativa C'entro in cui c'è anche una componente di Orogel - sta funzionando a pieno regime e con grande soddisfazione da parte dei genitori e degli stessi bambini. "Il servizio che eroghiamo - commenta Barbara Capellini, presidente della cooperativa - è a 360° ed è stato pensato per far sì che i bambini possano trovare qui un luogo in cui studiare, aiutarsi tra di loro, e divertirsi insieme". "Ogni giorno accogliamo un numero variabile di ragazzi - conclude Chicca Labruzzo, direttore tecnico della Cooperativa - da un minimo di 15 a oltre 20/25. Ne abbiamo di tutte le età anche se la fascia più rappresentata è quella delle elementari". 

Sostenuto economicamente da Orogel (fa parte del settore welfare aziendale) il doposcuola in questo momento è pensato solo per i figli dei dipendenti, "ma - com'è nei sogni dell'ad di Orogel, Bruno Piraccini, - non è escluso che, data l'utilità sociale dell'iniziativa per il territorio in un futuro, non troppo lontano, si possa aprire anche ad altre aziende". 

doposcuola orogel 2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento