Dominicano di Cesena implicato in un maxi traffico di coca

Tra i denunciati a piede libero c'è anche un cittadino domenicano residente a Cesena. Ha 29 anni e secondo gli inquirenti aveva già pagato un ingente quantitativo di cocaina che non gli è giunto perché i Carabinieri sono arrivati prima

Questa volta a cadere nella rete dei militari è stato il traffico di droga proveniente dal Centro America. L’indagine, denominata “Chamaquito” (in italiano “ragazzino”, soprannome di uno dei corrieri utilizzati) e coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di L’Aquila, Fabio Picuti, ha avuto inizio nel mese di gennaio 2012. Tra i denunciati a piede libero c'è anche un cittadino domenicano residente a Cesena. Ha 29 anni e secondo gli inquirenti aveva già pagato un ingente quantitativo di cocaina che non gli è giunto perché i Carabinieri sono arrivati prima.

I militari dell'Arma dell’Aquila erano sulle tracce del traffico internazionale di stupefacenti; hanno avviato una serie di accertamenti culminati nell'individuazione di un 29enne dominicano residente a L’Aquila e un 33enne aquilano, quest’ultimo già arrestato in passato perché beccato con 80 grammi di cocaina. le indagini hanno appurato che diversi soggetti, ra cui il cesenate si rivolgevano a lui per richiedere stupefacente "prenotando" il carico anticipando somme di denaro a saldo degli acquisti. Tutto attraverso il circuito Money Transfer oppure a mezzo di ricariche Poste Pay.

Il sistema faceva arrivare la cocaina in Italia  grazie ad ovuli che venivano ingeriti e poi espletati una volta giunti in Italia con l'Aereo. Questo per un totale di 2 etti, due etti emmezzo a corriere oppure con un astuto stratagemma: indossare fogli sottili ci cocaina nelle gambe. Questi veniva applicai con scotch resistente insieme ad un liquido per eludere l'olfatto dei cani. Sopra questo "indumento" il corriere vestiva parti di tuta da sub. In entrambe i casi rischiando la vita sperando di fare affari ingenti.

Tra i denunciati per detenzione ai fini di spaccio con l'aggravante della transnazionalità c'è anche il dominicano di Cesena che cn la crisi probabilmente sperava in un secondo lavoro di sicuro e facile successo. La sua abitazione è stata perquisita ma non sono emersi ulteriori elementi utili all'accusa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento