Disturbi di personalità, esperti a confronto a Cesenatico

Si apre domani, giovedì 6 ottobre, al Palazzo del Turismo di Cesenatico il convegno dal titolo “Il Trattamento del Disturbo Borderline di Personalità e delle Comorbilità in asse

Si apre domani, giovedì 6 ottobre, al Palazzo del Turismo di Cesenatico il convegno dal titolo “Il Trattamento del Disturbo Borderline di Personalità e delle Comorbilità in asse I. Indirizzi di intervento per i Dipartimenti di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche”. Si tratta della quarta edizione di un importante appuntamento scientifico che vedrà riuniti fino a venerdì 6 ottobre gli operatori della Salute Mentale per approndire il tema delle linee guida per il trattamento del Disturbo Borderline di Personalità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’obiettivo principale delle due giornate, infatti, è proporre ai professionisti che operano nelle strutture dei Dipartimenti di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM – DP) schemi di intervento applicabili, o comunque trasferibili, nella pratica clinica della realtà italiana.
 
“Il Disturbo Borderline di Personalità – spiega Michele Sanza direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’AUSL di Cesena, che è tra gli organizzatori del convegno - è un importante problema di salute pubblica, la cui prevalenza si aggira tra l’1 e il 2,5% della popolazione adulta. Le principali manifestazioni del disturbo borderline di personalità sono l’elevata impulsività, la fragilità dell’identità e la tendenza ad ammalarsi di depressione. Frequenti sono inoltre i tentativi di suicidio, che talvolta risultano fatali. Oggi ci sono numerose evidenze che il disturbo borderline di personalità (DBP) risponde favorevolmente a terapie elettive come la terapia Dialettico Comportamentale (DBT), inserita in un percorso di cura territoriale definito e strutturato. Occorre favorire l’accesso delle persone con disturbo della personalità offrendo trattamenti specializzati a partire dalla diagnosi, spesso incerta e mal definita”.
 
Dopo il saluto delle autorità, il convegno sarà aperto alle ore 15 da Marco Chiesa, primario presso il Cassel Hospital di Londra, che è uno dei centri di riferimento internazionali per la ricerca sul Disturbo Borderline. Il prof. Chiesa terrà una lettura magistrale sul tema: “Il trattamento territoriale del Disturbo Borderline di Personalità: una prospettiva britannica”.  Il pomeriggio proseguirà con la presentazione di una ipotesi di ricerca nei servizi dei DSM - DP della nostra realtà, a cura di Marco Menchetti e Francesca Martino dell’Università di Bologna e Francesca Leoni del DSM – DP di Cesena. In chiusura un tavola rotonda coordinata dal Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’Ausl di Cesena  Michele Sanza alla quale interverranno: Mila Ferri, direttore del Servizio Salute Mentale Dipendenze Patologiche e Salute nelle Carceri della Regione Emilia Romagna, Luigi Ferrannini, direttore del Dipartimento di Salute Mentale di Genova e attuale segretario nazionale della Società Italiana di Psichiatria, e Raimondo Venanzini, direttore del Dipartimento di Salute Mentale di Fano. Al centro della discussione i modelli clinici di provata efficacia applicabili nel contesto dei dipartimenti italiani e della nostra regione in particolare. Si affronterà il problema del trasferimento delle linee guida, spesso basate su evidenze frutto di studi sperimentali realizzati in condizioni specifiche di “neutralità” e in centri universitari, ai servizi territoriali reali.
 
Nella seconda giornata verranno presentati modelli ed esperienze cliniche concrete su quattro aree strategiche per la specializzazione funzionale dei servizi nella risposta ai DBP. Le quattro sessioni sono in cui si articola la giornata di venerdì sono: il trattamento psicoterapeutico, con particolare riguardo alla Psicoeducazione di gruppo della Terapia Dialettico Comportamentale (DBT), il coinvolgimento delle famiglie, l’approccio biologico farmacologico e infine, le caratteristiche e le modalità operative proprie dell’equipe multiprofessionale. Sono previsti interventi di esperti e ricercatori che porteranno il loro contributo di conoscenza e di esperienza clinica per contribuire a definire un quadro realistico di offerta da parte dei servizi italiani di un percorso dedicato al trattamento del disturbo borderline di personalità.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento