Disordini durante Avezzano-Cesena, sviluppi nelle indagini: 11 tifosi bianconeri indagati, fioccano i Daspo

Gli agenti del Commissariato di Avezzano, insieme al personale della Digos di Forlì-Cesena, oltre ai due tifosi locali indagati il 18 settembre scorso, hanno individuato altri 26 supporter delle due compagini

Nuovi sviluppi nelle indagini relative ai disordini avvenuti in occasione della prima sfida di campionato di serie D e che ha visto il Cesena impegnato ad Avezzano. Gli agenti del Commissariato di Avezzano, insieme al personale della Digos di Forlì-Cesena, oltre ai due tifosi locali indagati il 18 settembre scorso, hanno individuato altri 26 supporter delle due compagini, tra i 17 ed i 46 anni, a carico dei quali sono state inviate comunicazioni di notizia di reato alla Procura di Avezzano e alla Procura della Repubblica per i minorenni di L’Aquila.

Nello specifico, sono undici i tifosi del Cesena, tutti maggiorenni, identificati e segnalati all’autorità giudiziaria per "travisamento in luogo pubblico" e "possesso di oggetti atti ad offendere in occasione di manifestazioni sportive", mentre i 17 tifosi abruzzesi dovranno rispondere, singolarmente o in concorso, di "invasione di campo aggravata", "violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale", "danneggiamento di veicoli della Polizia", e "travisamento e porto di oggetti atti ad offendere". Durante i disordini, avvenuti al termine della partita nella fase di deflusso delle tifoserie, quattro poliziotti del Reparto Mobile rimasero feriti (contusioni con prognosi dai 7 ai 12 giorni) poiché colpiti da sassi e bottiglie scagliati dalla tifoseria locale, e tre veicoli di polizia hanno riportato danni. 

In conseguenza di quanto accertato ed in ragione dei reati di cui ciascuno dei partecipanti ai disordini si è reso responsabile, sono stati irrogati dal Questore di L’Aquila, a tutti gli indagati, 28 provvedimenti di divieto di accesso nei luoghi in cui si svolgono manifestazioni sportive, per una durata complessiva di 93 anni: sette della durata di 5 anni, di cui 5 con obbligo di presentazione (in un ufficio di Polizia in occasione di ogni partita, comprese le amichevoli, che sarà disputata dalla squadra dell’Avezzano oppure dal Cesena) convalidato dal gip su richiesta del Pubblico Ministero, nei confronti di tifosi già in passato destinatari di Daspo emesso dai Questori di L’Aquila, Forlì-Cesena e Teramo; quattro della durata di 4 anni, di cui 3 con obbligo di presentazione convalidato dal giudice su richiesta del pubblico ministero; otto della durata di tre anni e nove della durata di due anni. Sono in corso ulteriori accertamenti volti all’identificazione di altri supporter

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento