menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Disagi per l'accesso alla Medicina di gruppo, il sindaco incontra il direttore dell'Ausl Romagna

"In primo luogo - spiega il sindaco - ci siamo confrontati con la Medicina di Gruppo di San Piero, che ci ha rappresentato le proprie difficoltà a tornare ai normali livelli di servizio"

Il sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini affronta le criticità di accesso alla Medicina di Gruppo di San Piero in Bagno. "dopo che molti cittadini ci hanno segnalato nelle scorse settimane continui disagi di accesso alla Medicina di Gruppo di San Piero in Bagno ci siamo impegnati in prima persona nell’approfondire le cause delle problematiche evidenziate, al fine di sollecitarne una soluzione positiva".

"In primo luogo - spiega il sindaco - ci siamo confrontati con la Medicina di Gruppo di San Piero, che ci ha rappresentato le proprie difficoltà a tornare ai normali livelli di servizio a causa delle norme stringenti che regolamentano l’accesso alle strutture sanitarie allo scopo di ridurre il rischio di contagio. Tali norme impongono un preventivo contatto telefonico tra Medico e Paziente, a seguito del quale il Medico decide se effettuare la visita in presenza. Nel caso di visite in presenza, inoltre, un’ulteriore difficoltà deriva dalla possibilità di effettuare una visita ogni 30 minuti, ciò che limita ulteriormente l’efficienza dell’attività di assistenza sanitaria. D’altra parte, abbiamo rappresentato la difficoltà stessa, che ci avete segnalato, di raggiungere i Medici anche solo telefonicamente. A fronte di questa situazione particolarmente problematica abbiamo chiesto ed avuto un incontro con il nuovo Direttore dell’AUSL Romagna dott. Tiziano Carradori e con il Direttore del Dipartimento Cure Primarie e Medicina di Comunità dott. Tiziano Varliero per sollecitare un intervento più incisivo in termini di efficienza nella gestione delle cure alla nostra Comunità. Al riguardo, rappresentiamo che i rappresentanti dell’AUSL hanno recepito le nostre richieste e si sono fatti carico di veicolare attraverso i Medici di Base azioni volte al superamento delle difficoltà di accesso, in linea con il generale impegno dell’AUSL nella graduale ripresa delle attività connessa alla c.d. Fase 2".

Come spiega Baccini "è stato richiesto alla Medicina di Gruppo di San Piero di incentivare l’accesso presso la struttura dell’Ospedale Angioloni e di utilizzare il supporto anche del centralino della Casa della Salute per gestire tutte le chiamate telefoniche che la sola segreteria dei Medici non riesce materialmente a ricevere. Al riguardo, al di là delle indicazioni tecniche evidenziate e richieste, mi sento di farmi portavoce nel rappresentare alla Medicina di Gruppo del nostro Comune la necessità di attuare il massimo sforzo nel gestire le esigenze della nostra Comunità, che il particolare momento ha acuito. D’altra parte, mi sento anche di rivolgere a tutti massima comprensione e consapevolezza circa il fatto che siamo ancora in fase di emergenza sanitaria, ciò che impone la necessità di adottare misure e procedure correttive rispetto a quella che era la nostra normalità. Parallelamente, informo che insieme al dott. Varliero siamo impegnati nella ricerca ed individuazione di locali ove adibire stabilmente l’ambulatorio di Bagno di Romagna, che negli anni passati avevamo organizzato con varie soluzioni “ponte” che, seppur funzionali, l’emergenza Coronavirus non rende più praticabili". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento