I Carabinieri risolvono il caso: disabile adescato da due ragazzine per essere rapinato

Il fatto si è consumato nella tarda serata di sabato nei pressi di un noto bar del centro storico

Svolta nelle indagini relative alla rapina subìta nella tarda serata di sabato da un disabile 44enne. I Carabinieri di Gambettola hanno denunciato con l'accusa di "rapina in concorso" un ventitreenne di origine albanese, residente a Savignano, con un precedente per lesioni personali; un ventunenne originario del Napoletano, residente a Bellaria, con precedenti per porto di armi od oggetti atti ad offendere e guida in stato di ebbrezza; e due ragazze diciottenni italiane, incensurate, entrambe residenti a Savignano.

La rapina

Il fatto si è consumato nella tarda serata di sabato nei pressi di un noto bar del centro storico a Longiano. Erano circa le 22 quando le due diciottenni, dopo essersi accordati con i complici, hanno avvicinato il quarantaquattrenne, da loro conosciuto, invitandolo a fare una passeggiata a piedi. Una volta giunti nei pressi dell’ufficio postale, in un punto scarsamente illuminato, sono sbucati improvvisamente due ragazzi da un cespuglio, che hanno gettato il malcapitato a terra per poi rapinarlo del portafogli che aveva nella tasca posteriore destra.

I due banditi si sono dileguati col favore delle tenebre, facendo perdere le loro tracce. La vittima, a quel punto, si è recata nuovamente nel bar, notando che anche le ragazze vi erano tornate facendo finta che nulla fosse successo. Con l’aiuto dei militari intervenuti e di altri avventori del locale il 44enne è riuscito a ritrovare il portafoglio, dal quale mancavano 45 euro.

Gioventù difficile

Le due 18enni incensurate coinvolte nelle accuse sono state descritte come normali frequentatrici del bar in questione e inserite in contesti famigliari "normali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

Torna su
CesenaToday è in caricamento