rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Cronaca San Mauro Pascoli / Via Adriatica

Da meta dei giovani a simbolo del degrado: l'ex discoteca Geo sarà demolita

Con l'approvazione della Variante n.16 al Prg si darà il via libera finalmente all'abbattimento a San Mauro Mare della discoteca ex Geo posta lungo la via Adriatica e dell' ex caserma

Demolizione del Geo e dell'ex caserma a San Mauro Mare: finalmente possibile eliminare due punti del degrado. Questi, annuncia il sindaco di San Mauro Pascoli, Miro Gori, provvedimenti deliberati nell'ultimo consiglio comunale del 9 aprile scorso.

"Con l'approvazione della Variante n.16 al Prg si darà il via libera finalmente all'abbattimento a San Mauro Mare della discoteca ex Geo in via Adriatica e dell' ex caserma, in via Cagnona Nuova, all’altezza della rotonda Iper Romagna Center - annuncia il primo cittadino -. Con questo intervento di riqualificazione si porrà fine a una situazione di degrado a San Mauro Mare, andando a ristabilire il decoro urbano".  L'ex Geo verrà demolito entro il 31 maggio mentre la ex caserma dovrà essere demolita entro il 31 dicembre di quest'anno.

EX CASERMA  - "In particolare, nell’area della ex caserma e zone limitrofe, è stata prevista l’individuazione di 3 sub-comparti funzionali indipendenti, ma interconnessi tra loro, individuando la viabilità principale per salvaguardare la coerenza progettuale, all'interno dei quali sarà possibile realizzare strutture di vendita di media dimensione, nel rispetto dei limiti previsti dalle norme regionali, dal PTCP e da l nuovo in dice di edificazione, sensibilmente ridotto rispetto quello previgente", aggiunge Gori.

"Questa variante è stata concepita dall'Amministrazione comunale quale strumento per dare risposte alle esigenze, in costante evoluzione, di privati cittadini ed imprese del nostro territorio, senza discostarsi tuttavia dal principio di sostenibilità ambientale e di interesse pubblico - ha spiegato l’assessore all’urbanistica Moris Guidi -. La variante non ha introdotto nuove zone di sviluppo residenziali o produttive, ma solo alcune modifiche di carattere normativo e cartografico, volte ad incentivare la realizzazione di interventi urbanistici già ammessi dal PRG, ritenuti qualificanti, e la localizzazione di nuove previsioni di alcune medie strutture di vendita, nel rispetto dei limiti previsti dalle norme regionali e dal PTCP”.

Di particolare interesse anche alcuni accorgimenti cartografici e normativi volti a trasformare e riqualificare imponenti edifici industriali dismessi (ex Mir-Mar in primis), nonché la possibilità di trasformare alcuni edifici produttivi ritenuti incongrui o dismessi in zona agricola, in edifici residenziali con basso carico urbanistico. E’ stato altresì riperimetrato il lotto di Via Villagrappa destinato all’edilizia scolastica, che consentirà l’imminente avvio della costruzione del Polo scolastico e della connessa rotatoria all’intersezione con Via Pastore.

IMPRESE DI GIOVANI - Sempre in consiglio comunale è stato approvato il regolamento per l'erogazione di contributi alle nuove imprese giovanili e femminili. “L'Amministrazione comunale ha infatti deciso di dare un concreto apporto all'imprenditoria locale, come ha sempre fatto in questi anni, mettendo a disposizione un totale di 40mila euro per l'erogazione di contributi a sostegno del l’iniziativa di chi, pur in questo periodo di recessione, ha deciso di intraprendere una nuova attività imprenditoriale”, ha spiegato il vicesindaco, nonché assessore alle attività economiche, Stefania Presti.

Destinatarie dei contributi, che verranno individuate attraverso apposito bando, saranno le imprese giovanili e femminili, tradizionalmente le categorie più deboli, che sono sorte nell'ultimo biennio e sono tutt’ora attive. L'importo massimo per ogni beneficiario sarà di 3mila euro: l'impresa deve essere insediata sul territorio comunale, deve essere iscritta alla Camera di Commercio e deve aver iniziato l'attività nell'ultimo biennio. Per quanto riguarda i contributi alle imprese giovanili, il titolare non dovrà aver superato il trentacinquesimo anno di età. Non vi sarà limite di età invece per le imprese a guida femminile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da meta dei giovani a simbolo del degrado: l'ex discoteca Geo sarà demolita

CesenaToday è in caricamento