La promozione premia, crescono i turisti: Cesena piace anche agli stranieri

"Questi risultati non arrivano casualmente, ma sono il frutto di tanto impegno, di tanto lavoro di promozione e valorizzazione del territorio", afferma Lucchi

Anche nel 2016 l’andamento turistico di Cesena è di segno positivo. Ad attestarlo i dati relativi agli arrivi e alle presenze alberghiere negli ultimi dodici mesi, entrambi in aumento rispetto al 2015. Lo scorso anno in riva al Savio si sono registrati poco meno di 74mila arrivi, con un incremento del 2,3%, e quasi 135mila pernottamenti, con una crescita del 6,1%. A determinare questa tendenza sono stati soprattutto i turisti italiani, con 62.348 arrivi (+3,2% rispetto al 2015) e 110.888 pernottamenti (+7,2%); la durata media del loro soggiorno è stata di 1,7 notti. In leggera flessione, invece, gli arrivi degli stranieri, che sono stati 11.644 (-2,7%), mentre è di segno positivo, con un incremento dell’1%, l’andamento dei loro pernottamenti, che sono stati 24.033, con una durata media del soggiorno di 2 notti. 

"Anche nel 2016  - commentano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore al Turismo Christian Castorri - è proseguita quella tendenza alla crescita che già da alcuni anni contraddistingue l’andamento turistico di Cesena, e questo non può che farci piacere, soprattutto perché sappiamo che questi risultati non arrivano casualmente, ma sono il frutto di tanto impegno, di tanto lavoro di promozione e valorizzazione del territorio, svolto dagli operatori e dalle loro associazioni, che ringraziamo. In realtà, per dare una fotografia ancora più precisa della realtà turistica cesenate, dovremmo poter conteggiare anche i tanti che visitano a Cesena in una sola giornata, magari mentre stanno trascorrendo una vacanza sulla costa o nelle località termali".

"Una loro registrazione puntuale non è possibile, ma ci sono indicatori significativi della loro presenza, come  le sempre più frequenti visite di turisti alla Biblioteca Malatestiana, alla Rocca Malatestiana, negli altri luoghi della nostra cultura, o il fatto che sempre più spesso capiti di incontrare nelle vie del centro gruppi accompagnati da guide turistiche - proseguono -. L’attività di valorizzazione del nostro territorio, naturalmente, proseguirà con lo stesso impegno anche nel 2017, con la consapevolezza che avremo a disposizione un nuovo strumento, in cui riponiamo grande fiducia. Ci riferiamo all’istituzione di “Destinazione Turistica Romagna”, nata sulla spinta della nuova legge regionale con il compito di definire programmi e strategie per la promozione dell’Area Vasta Romagna (allargata a Ferrara). Messo da parte il concetto di ‘prodotto turistico’, ora ci si concentrerà sulla varietà dei territori e delle loro eccellenze e confidiamo che Cesena trovi, in questo contesto, la cornice adeguata per promuovere la propria offerta turistica e conquistare nuovi mercati. E naturalmente non va trascurata la grande opportunità offerta alla nostra città con la decisione di far fermare anche a Cesena il treno ad Alta Velocità Monaco-Rimini".

continua nella pagina successiva ====> L'ANALISI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento