Religione cattolica nelle scuole: l'89,2% delle famiglie è favorevole

“Il giudizio complessivo è di estremo valore su tutti”, dice don Amati che assieme al segretario dell’Ufficio diocesano, Giuseppe Cantarelli, coordina il lavoro e tutta la formazione che ogni anno viene svolta in favore degli insegnanti.

“Nell’insieme c’è una tenuta complessiva”. Così si esprime don Giordano Amati, il direttore dell’Ufficio diocesano per l’insegnamento della religione cattolica. Commenta i dati definitivi circa la scelta compiuta da genitori e studenti che decidono di avvalersi o meno dell’insegnamento di religione. “Abbiamo il ’sì’ da parte dell’89,2 per cento delle famiglie del territorio - prosegue - mettendo insieme tutte le scuole di ogni ordine e grado”.“Molto dipende dalla presenza di ragazzi stranieri o studenti nati in Italia, ma figli di stranieri - precisa don Amati -. Nonostante questa presenza sempre più numerosa, alla scuola dell’infanzia si registra un significativo +1 per cento rispetto allo scorso anno".

"Adesso i riverberi della presenza straniera si avvertono alle elementari e alle medie. In ogni caso, comunque, ci possiamo dire soddisfatti per la scelta nelle nostre scuole da parte delle famiglie - afferma don Amati -. In totale abbiamo un +0,4 per cento che consideriamo molto positivo se si tiene conto del continuo aumento degli studenti stranieri”. Oggi per insegnare religione occorre una laurea specialistica, di cinque anni. I docenti incaricati sono una novantina, oltre a una quindicina di supplenti. “Il giudizio complessivo è di estremo valore su tutti”, dice don Amati che assieme al segretario dell’Ufficio diocesano, Giuseppe Cantarelli, coordina il lavoro e tutta la formazione che ogni anno viene svolta in favore degli insegnanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra questi si contano anche quelli che, insegnante di classe o di sezione, oltre alle altre ore, hanno l’abilitazione anche per l’insegnamento della religione. Sono una ventina per le materne e circa 150 per le scuole elementari. Insegnanti che, vista ora la necessità della laurea magistrale, andranno in esaurimento.“In conclusione, possiamo dire che da questi dati si conferma - chiude don Amati - la stima verso i nostri docenti di religione. Stima per l’impegno e per il loro prezioso lavoro educativo svolto nella scuola”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Cresce la curva dei contagi, "focolaio" in un caseificio. Il Covid torna ad uccidere nel Cesenate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento