Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca Gambettola

Gambettola è una città multietnica, continua la crescita della popolazione

"La nostra città - afferma - Sanulli - cresce lentamente, ma non si ferma, è una città multietnica dove lo sbilanciamento demografico tra nati e morti segnala il progressivo invecchiamento della popolazione

Continua a crescere la popolazione gambettolese. A fine 2016 i residenti hanno raggiunto quota 10.688, +28 (+0,26%) rispetto all’anno precedente. Il 48,3% sono uomini e il 51,7% donne. E' quanto emerge dall’andamento demografico forniti dall’Ufficio Anagrafe comunale. "Questo risultato - sottolinea il sindaco Roberto Sanulli - è determinato da diversi fattori. Nel 2016 il numero dei nati (82 in totale, 39 maschi e 43 femmine) si è ridotto leggermente rispetto al 2015 (quando furono 85), mentre continua a crescere il numero dei decessi (95 in totale, 56 maschi e 39 femmine a fronte dei 90 del 2015). Da segnalare che il 22% dei nati è cittadino straniero. Quindi il saldo naturale è negativo (-13) anche a Gambettola, come in quasi tutto il Paese”.  

“Il movimento migratorio - continua il sindaco - rappresenta la componente più dinamica e determina il saldo positivo: negli ultimi dodici mesi sono immigrate nel nostro Comune 358 persone (46,6% stranieri). Gli emigrati ammontano invece a 291 persone alle quali si aggiungono 26 cancellazioni di cittadini irreperibili (61,5% stranieri). Il saldo migratorio registra +41 persone”. L’aumento, seppur contenuto, della popolazione è dovuto a due fattori: torna a crescere la popolazione italiana che dai 9.062 residenti del 2015 passa ai 9.105 del 2016 (+43 unità); diminuisce la popolazione straniera che passa dai 1.598 residenti del 2015 ai 1.583 del 2016 (-15 unità). La cittadinanza più rappresentata, dopo quella Italiana, è la bulgara che conta 374 unità, a seguire troviamo quella albanese (302), quella romena (281) e quella ,arocchina (221). Il numero delle famiglie ha raggiunto quota 4.297; il numero medio dei componenti si mantiene sulle 2,5 persone per famiglia (molto inferiore al 1980 quando era di 3,24). 

“La nostra città - conclude - Sanulli - cresce lentamente, ma non si ferma, è una città multietnica dove lo sbilanciamento demografico tra nati e morti segnala il progressivo invecchiamento della popolazione e ci consegna nuove problematiche da affrontare e la ricerca di soluzioni adeguate alla difficile fase economico-sociale che ancora stiamo attraversando. Come amministrazione dedichiamo la massima attenzione alle diverse fasce della popolazione, in particolare a quelle più deboli, ragazzi e anziani. La scuola continua ad essere una delle nostre priorità; continuiamo ad investire risorse per migliorare gli ambienti, che vogliamo rendere sempre più confortevoli e sicuri, e per garantire quantità e qualità dei servizi scolastici che mettiamo a disposizione dei ragazzi e delle loro famiglie. In questi anni stiamo ridefinendo le politiche del welfare insieme ai Comuni che con Gambettola compongono l’Unione Rubicone e Mare. Continua il nostro sostegno alle fasce più anziane e più bisognose della popolazione; attraverso una costruttiva collaborazione con l’Azienda sanitaria, sono stati potenziati i servizi erogati dalla Casa della Salute di via Viole. Continueremo a lavorare per rendere Gambettola ancora più vivibile e accogliente".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gambettola è una città multietnica, continua la crescita della popolazione

CesenaToday è in caricamento