rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Cronaca Centro  / Via Niccolò Machiavelli

Cinquanta persone al giorno alle Cucine Popolari, 'guerra' alla plastica: ecco l'erogatore di acqua pubblica e le borracce

I locali ora possono contare sul nuovissimo erogatore di acqua pubblica che consentirà di eliminare l’uso delle numerose bottiglie in plastica

Insieme alle scuole del territorio e a molti uffici pubblici, primi fra tutti quelli comunali, anche le Cucine Popolari di Cesena aderiscono al progetto “Verde Acqua” promuovendo la cultura dell’uso dell’acqua pubblica di rete. Grazie a Unica Reti – società pubblica proprietaria di reti idriche e gas naturale dei 30 Comuni della provincia – i locali di via Niccolò Machiavelli 70, che dallo scorso febbraio ospitano la straordinaria esperienza delle cucine popolari, possono contare sul nuovissimo erogatore di acqua pubblica che consentirà di eliminare l’uso delle numerose bottiglie in plastica per i circa 70 pasti che vengono somministrati nelle giornate di attività e che metterà a disposizione dei “commensali” anche l’acqua frizzante.
 
“Lo sviluppo di una comune coscienza ecologica e il prendersi cura dell’ambiente – commenta il Presidente di Unica Reti Stefano Bellavista – passano anche attraverso piccoli gesti quotidiani. La lotta all’impatto ambientale è una sfida che richiede un’azione condivisa, basata principalmente sulla collaborazione a livello territoriale tra gli enti pubblici, attività private e tutti noi. Con il progetto ‘Verde Acqua’ intendiamo favorire l’eliminazione della plastica monouso dai luoghi pubblici. In particolare, l’installazione dell’erogatore nei locali che ospitano le cucine popolari di Cesena garantirà un risparmio rilevante sul costo di acquisto dell’acqua dai fornitori abituali. In questo senso, anche l’uso della borraccia diventa una buona pratica che elimina il più possibile la plastica”. A tutti i volontari aderenti all’omonima Associazione presieduta da Enzo Cappelletti sono state consegnate circa 200 borracce.
 
“Questo nuovo servizio – commenta Cappelletti – è per noi importantissimo perché in questo modo riusciamo a garantire ai nostri ospiti acqua fresca e frizzante a ogni pasto. Siamo felici di essere parte attiva del percorso plastic free avviato dal Comune e da Unica Reti sul nostro territorio e di contribuire allo sviluppo di buone abitudini green. L’esperienza delle Cucine Popolari di Cesena nasce il primo marzo scorso accogliendo circa 25 persone, in carico ai Servizi Sociali e Caritas. Attualmente, nel corso della settimana, tra pranzi e cene, ospitiamo cinquanta persone ogni giorno. Fondamentale inoltre è l’impegno dei volontari, circa un centinaio, sempre pronti a dare il proprio contributo con il sorriso e in piena amicizia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinquanta persone al giorno alle Cucine Popolari, 'guerra' alla plastica: ecco l'erogatore di acqua pubblica e le borracce

CesenaToday è in caricamento