Cresce il 'focolaio' nella casa di riposo, 15 contagiati. "Guarito un agente della Polizia Locale"

A preoccupare maggiormente è la situazione della casa di riposo "Maria Fantini" dove l'evoluzione dei tamponi parla di 15 infetti in totale

Resta stabile l'aumento di contagiati nel cesenate, "sono circa 30 i casi in più" comunica il sindaco di Cesena Enzo Lattuca. A preoccupare maggiormente è la situazione della casa di riposo "Maria Fantini" dove l'evoluzione dei tamponi parla di 15 infetti in totale. Purtroppo dei due anziani che si trovavano ricoverati, uno, un 89enne, è deceduto nella giornata di giovedì. Il 'focolaio' nella struttura si espande, la prima infornata di tamponi ha fatto emergere altri 5 casi (dopo il primo) tra gli ospiti della struttura. Gli ultimi tamponi hanno evidenziato altri 7 positivi. Contagiati dal virus anche due operatori della casa di riposo.

La giornata di giovedì ha fatto registrare, purtroppo anche un altro decesso, un 63enne di Cesena. Ma il sindaco Lattuca ci tiene a dare anche buone nortizie, come la guarigione di un agente della Polizia municipale della città che è stato dimesso. 

Il sindaco sottolinea come il sistema sanitario non sia in affanno come personale e come strutture, "anche perchè si registrano meno casi e meno ricoveri rispetto ad altre province. Non abbiamo criticità, tutti i pazienti stanno ricevendo le cure dovute. Circa dieci persone che erano ricoverate in Terapia intensiva, sono passate a reparti meno critici. Speriamo che con il turnover dei guariti e dimessi la situazione possa migliorare ancora. Di sicuro il personale sanitario non si sta tirando indietro, anzi. C'è sempre la volontà di fare un turno in più.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco ha infine comunicato che si sta lavorando per allestire dei 'reparti di mezzo' per i pazienti che escono dalla fase di degenza nelle strutture ospedaliere, una sorta di via di mezzo  tra il ricovero in ospedale e la degenza a casa. "Alcuni spazi sono già stati recuperati nell'ospedale Bufalini. Ringrazio le case di cura private che si sono messe a disposizione accogliendo i pazienti no covid". 
Anche i dormitori in campo per l'emergenza, che riguarda i senza fissa dimora. Il dormitorio gestito dalla Papa Giovanni XXIII ne ospita  12 garantendo un servizio h 24. Quello di via Strinati accoglie 24 persone e la Casa dell' Arci di Oriola altre nove.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Coronavirus, due nuovi positivi sul territorio cesenate. Un decesso in Romagna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento