A Cesena un nuovo corso per imparare la lingua dei segni

Il corso è rivolto a tutti coloro che sono interessati ad apprendere la Lis per interesse personale o perché, operando nel settore scolastico, pubblico, di servizi al cittadino, si trovano a dover comunicare con persone sorde

Sulla scia del grande interesse suscitato negli anni passati, l’Ente Nazionale Sordi promuove a Cesena un nuovo corso della lingua italiana dei segni (Lis) di 1°- 2° - 3° livello. L’iniziativa sarà presentata ufficialmente lunedì 17 luglio, alle 18, nella sede dell’Ens (ex scuola elementare di Villa Calabra, via Cervese 4303). Durante l’incontro saranno illustrati il percorso didattico e metodologico, saranno presentati gli operati coinvolti e saranno fornite informazioni in merito alla quota d’iscrizione, alle date e agli orari delle lezioni. Il corso partirà con un minimo di 15 allievi.

Il corso è rivolto a tutti coloro che sono interessati ad apprendere la Lis per interesse personale o perché, operando nel settore scolastico, pubblico, di servizi al cittadino, si trovano a dover comunicare con persone sorde. Il ciclo completo ha una durata di tre anni e consentirà di apprendere e utilizzare la lingua e il suo canale comunicativo, con annessi aspetti storico-culturali, per poter essere attivi nella comunicazione udenti – sordi, attenendosi alla medesima organizzazione seguita a livello nazionale, e garantendo così una conoscenza equivalente su tutto il territorio. L’iniziativa ha il sostegno dei Servizi Sociali dell’Unione Valle Savio. Per maggiori informazioni ci si può rivolgere alla Segreteria ENS: tel. 0547/324310 (il lunedì dalle 15 alle 18) mail: forli@ens.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento