Cronaca

Coronavirus, il ministro Speranza chiude le discoteche. Movida con la mascherina

Con il nuovo aumento di contagi di covid, il Governo ha deciso di correre ai ripari con un'ordinanza a firma del ministro della Salute, Roberto Speranza

Stop alle discoteche e obbligo di mascherina anche all'aperto nei luoghi della movida. Con il nuovo aumento di contagi di covid, il Governo ha deciso di correre ai ripari con un'ordinanza a firma del ministro della Salute, Roberto Speranza. Il nuovo provvedimento prevede "obbligo di mascherina anche all'aperto dalle 18 alle 6 nei luoghi dove c'è rischio di assembramento", come riporta il suo profilo Facebook.  "I numeri del contagio in Italia, anche se tra i piu' bassi in Europa, sono in crescita. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti nei mesi passati", ha scritto Speranza.

"So che i giovani, e non solo, amano ballare; e li capisco. Ma non si puo' rischiare che si balli nelle discoteche, nei lidi, nei bar o nei ristoranti o in ogni luogo in cui il contagio puo' diffondersi rapidamente", ha scritto su Facebook Francesco Boccia, ministro per gli Affari regionali e le autonomie. Speranza ha anche aggiunto che "la nostra priorita' deve essere riaprire le scuole a settembre in piena sicurezza". D'accordo con il Governo il presidente dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini: "Le discoteche, i cui gestori nessuno vuole criminalizzare, sono luoghi dove i rischi sono maggiori per ragioni oggettive".

Si legge nell'ordinanza: "E' fatto obbligo dalle 18 alle 6 sull’intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie anche all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/o occasionale". Inoltre "sono sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso". Rimane in vigore l’obbligo di utilizzo della mascherina nei luoghi aperti al pubblico e in tutti quei luoghi in cui non è possibile mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro.

Bernini (Forza Italia): "Servono misure di sostegno al settore"

"La chiusura delle discoteche, peraltro arrivata dopo perenni incertezze, probabilmente servirà ad arginare il contagio tra i giovani, ma colpisce indubbiamente un settore che, anche in Emilia-Romagna, sta ancora pagando a caro prezzo gli effetti della pandemia. La tutela della salute è fondamentale in questa fase, non lo abbiamo mai negato, ma adesso servono strumenti concreti per sostenere un comparto strategico non solo nella mia Regione ma in tutta Italia e che impiega migliaia di lavoratori. Noi siamo pronti a fare la nostra parte affinché non manchino le risorse necessarie per far fronte al danno economico: in questo ci appelliamo anche al presidente della Regione, affinché metta in campo ogni strumento di sua competenza". Così Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia.

"Ricordiamo al Governo, inoltre, che esistono anche altre criticità legate alla diffusione del contagio su cui sta calando un silenzio assordante: parlo dei continui sbarchi di irregolari, sempre più spesso positivi al Covid, sulle nostre coste. Migranti che, in svariate occasioni, sono riusciti anche a far perdere le proprie tracce. E’ inammissibile che non si riescano a prendere provvedimenti seri una volta per tutte e ad adottare lo stesso pugno di ferro, spostando di continuo l’attenzione su altre problematiche".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il ministro Speranza chiude le discoteche. Movida con la mascherina

CesenaToday è in caricamento