Coronavirus, col nuovo decreto cambia il modulo per l'autocertificazione: ecco il documento

E' quanto prevede una circolare inviata ai prefetti dal capo della Polizia, Franco Gabrielli, alla luce del nuovo decreto del presidente del Consiglio pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Cambia ancora il modulo per l'autocertificazione dei cittadini che intendono fare spostamenti. E' quanto prevede una circolare inviata ai prefetti dal capo della Polizia, Franco Gabrielli, alla luce del nuovo decreto del presidente del Consiglio pubblicato nella Gazzetta Ufficiale e contenente ulteriori misure contro la diffusione del coronavirus. Occorre rimanere nel Comune in cui ci si trova attualmente salvo spostamenti dettati da comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute. Il nuovo modello prevede anche che l'operatore di polizia controfirmi l'autodichiarazione, attestando che essa viene resa in sua presenza e previa identificazione del dichiarante. In tal modo il cittadino viene esonerato dall'onere di allegare all'autodichiarazione una fotocopia del proprio documento di identità.

Da lunedì è in vigore la nuova ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri che introduce ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19, applicabili sull'intero territorio nazionale. Per quanto concerne gli spostamenti, il decreto della Presidenza del Consiglio prevede all'articolo 1 punto b) che "è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute"; conseguentemente all’articolo 1, comma 1, lettera a), del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo le parole “è’ consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza” sono soppresse.

Sul punto era intervenuta nella giornata di domenica l'ordinanza Interno-Salute adottata in attesa del nuovo dpcm. Le disposizioni sono efficaci fino la 3 aprile. Le stesse si applicano, cumulativamente a quelle di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 marzo nonchè a quelle previste dall'ordinanza del ministro della Salute del 20 marzo 2020 i cui termini di efficacia, già fissati al 25 marzo, sono entrambi prorogati al 3 aprile.

autocertificazione-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenda nel parcheggio del Bufalini, Cesena tra le prime città a sperimentare i tamponi "drive-through"

  • Fermato dalla Polizia, la scusa è incredibile: "Sto andando a curare un amico ferito da uno squalo"

  • Cesena, Gambettola e Mercato Saraceno: un bollettino nero con altri decessi

  • San Cristoforo piange l'ultima vittima del Coronavirus: "Era socievole e attivo nel volontariato"

  • Coronavirus, 199 i malati: 4 in Rianimazione. La mappa del contagio nei comuni nel cesenate

  • Cresce il 'focolaio' nella casa di riposo, 15 contagiati. "Guarito un agente della Polizia Locale"

Torna su
CesenaToday è in caricamento