Posti letto anche per pazienti Covid, le case di cura private al fianco della sanità pubblica

Le Case di cura Malatesta Novello e San Lorenzino di Cesena mettono a disposizione posti letto e personale grazie a un accordo con la Regione

Le Case di cura Malatesta Novello e San Lorenzino di Cesena sono tra i  44 Ospedali Privati dell’Emilia- Romagna aderenti AIOP (Associazione Italiana Ospedali Privati) che si affiancano alla Sanità Pubblica per affrontare la emergenza sanitaria da Coronavirus.

In base all’accordo sottoscritto alcuni giorni fa tra il presidente di AIOP ER Bruno Biagi e il Presidente della Regione Stefano Bonaccini è prevista la disponibilità da parte delle cliniche private AIOP ER di posti letto (compresi quelli di terapia intensiva) per pazienti Covid 19, anche per affrontare la fase successiva a quella acuta quando il paziente però non può essere ancora dimesso.

Le Case di cura private, comprese appunto  la Malatesta Novello e la San Lorenzino di Cesena, collaboreranno anche sul fronte dei pazienti ordinari, cioè non Covid, accogliendo chi verrà trasferito dalle strutture pubbliche per esigenze operatorie e internistiche.

“Le nostre strutture sono presenti in questo momento di emergenza straordinaria con i loro  professionisti, i loro  servizi e posti letto - dichiarano le Direzioni delle due Case di Cura - Siamo da decenni un punto di riferimento della sanità privata nel cesenate, anche in stretta collaborazione con il sistema pubblico. Il nostro impegno ora più che mai  è esserci”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per Aiop ER che rappresenta 44 strutture sanitarie e oltre 5000 posti letto – commenta il presidente Bruno Biagi - far parte del servizio sanitario regionale significa esserci nel buono e cattivo tempo. Vogliamo crescere quando la qualità del nostro sistema cresce e siamo pronti, come stiamo facendo, a fare fronte comune nei momenti critici. Non ci tiriamo indietro e questo accordo regionale ne è la dimostrazione. Le nostre sono strutture pubbliche di diritto privato e in quanto tali appartengono alla rete ospedaliera accreditata impegnata a gestire nel migliore dei modi l’emergenza COVID-19”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sensi e la fidanzata cesenate in tandem sul monopattino, la foto proibita su Instagram

  • Lavori completati, riapre il supermercato: 700 metri quadrati, darà lavoro a 19 persone

  • Il virus penetra in un'altra scuola superiore, tutta la classe in quarantena

  • Un altro caso di Covid in classe, positiva una bambina della scuola elementare

  • Col monopattino elettrico in autostrada, scusa incredibile del ragazzo

  • Coronavirus, nuovo caso a Bagno di Romagna: tamponi per i contatti stretti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento