Coronavirus, l'università non rallenta: esami orali in streaming e proclamazioni online

Le lezioni sono possibili solo a distanza, con varie piattaforme e modalità di erogazione, e non in presenza

Lezioni a distanza, discussioni di laurea in streaming e proclamazioni on line, esami di profitto orali svolti non in presenza e voti comunicati agli studenti sempre in streaming e via e-mail. La Regione dispone che l’Azienda regionale per il diritto agli studi Er.go dia supporto informatico agli studenti che ne hanno necessità e sposta la scadenza per conseguire i requisiti di merito per le borse di studio dal 28 febbraio al 15 aprile.

Sono alcune delle misure che la Regione Emilia-Romagna e i quattro Atenei regionali hanno messo a punto per ridurre le possibilità di contagio da Coronavirus ed evitare gli spostamenti degli studenti. Unite alle azioni di supporto agli studenti e ai pagamenti delle borse di studio decisi con Er.go, l’Azienda regionale per il diritto agli studi. L’assessore regionale all’Università, Paola Salomoni, ha infatti incontrato in Regione i rettori dell’Università di Bologna, Francesco Ubertini, e di Modena e Reggio Emilia, Carlo Adolfo Porro, il prorettore dell’Università di Ferrara, Michele Pinelli e, collegato in videoconferenza, il rettore dell’Università di Parma, Paolo Andrei.

"Il sistema universitario in Emilia-Romagna continua a funzionare nonostante l’emergenza - spiega l’assessore Salomoni -. Ci si sta impegnando al massimo per garantire tutte le funzioni, quelle didattiche ma anche le più complesse, come lo svolgimento degli esami e il conseguimento del titolo di studio, lauree e anche dottorati. Un messaggio positivo- aggiunge- che denota un’ottima efficienza organizzativa dei nostri Atenei".

Cosa cambia

Le lezioni sono possibili solo a distanza, con varie piattaforme e modalità di erogazione, e non in presenza. Sospesi fino al 16 marzo gli esami scritti e le prove pratiche in presenza - sono allo studio modalità per effettuarli on line - mentre gli esami orali saranno svolti in streaming e con i commissari di esame collegati anche in modalità telematica e non necessariamente presso le strutture dell’Ateneo. Il candidato viene identificato attraverso la visualizzazione del volto e il documento di identità mostrato in streaming, mentre il voto è comunicato allo studente seduta stante, in streaming, con una conferma successiva via e-mail.

Procedura a distanza anche per gli esami di laurea: la discussione avviene con il candidato in streaming per tutte le lauree, sia triennali che magistrali. Anche i laureandi vengono identificati attraverso la visualizzazione del volto e il documento d’identità e il voto di laurea viene comunicato al momento, in streaming, con successiva conferma via mail. La Commissione di laurea sarà interamente in presenza, nelle strutture dell’ateneo, e la proclamazione si svolgerà on line. Una ulteriore cerimonia di laurea potrebbe essere predisposta una volta che l’emergenza del virus sarà rientrata. Stesse modalità per gli esami di dottorato, ma i commissari possono essere collegati in modalità telematica.

Supporto agli studenti

La Regione ha disposto che l’Azienda regionale per il diritto agli studi Er.go attivi azioni di supporto agli studenti per dare risposta alle necessità di connettività e strumenti informatici che derivano dalle nuove modalità di svolgimento della didattica. Inoltre, Er.go sta già procedendo al pagamento della seconda rata della borsa di studio ad oltre 15.000 studenti. Per gli altri aventi diritto, il pagamento avverrà mano a mano che conseguiranno i requisiti di merito, spostando la scadenza ultima dal 28 febbraio al 15 aprile.

L'Ateneo: "Risposte molto positive"

Si chiude con risposte molto positive la prima settimana di sperimentazione della didattica a distanza all’Università di Bologna. Tantissimi i messaggi e le testimonianze di apprezzamento inviati dagli studenti in questi giorni. E anche le prime valutazioni dei docenti mostrano un quadro di diffusa soddisfazione, tanto per il funzionamento dell’infrastruttura tecnica che per la qualità dell’interazione.

"Pensate - sottolinea l'Ateneo - per fronteggiare lo stop alla didattica in presenza dovuto all’epidemia da Covid-19, le lezioni online sono partite lunedì 2 marzo con circa il 50% degli insegnamenti previsti trasmessi in streaming nelle aule virtuali attraverso la piattaforma Microsoft Teams. Percentuale che è cresciuta progressivamente nelle giornate successive, fino ad arrivare oggi oltre il 70%. Da lunedì prossimo, 9 marzo, saranno erogate a distanza tutte le attività didattiche compatibili con questa modalità di fruizione. Gli insegnamenti previsti per il secondo semestre sono circa 3.500, distribuiti su 221 corsi di laurea, per circa 85.000 studenti. Inoltre, stanno partendo progressivamente anche tutte le altre attività formative, come master e corsi professionalizzanti. Soddisfatti professori e ricercatori. I primi risultati di un questionario compilato dai docenti che hanno svolto lezioni a distanza in questa settimana fanno emergere commenti e giudizi molto positivi. L’impianto tecnico, allestito in tempi rapidissimi, ha funzionato con grande efficienza, garantendo un’alta qualità di trasmissione via streaming. E anche l’interazione, via voce e via chat, con gli studenti – pur non paragonabile con quanto avviene normalmente in presenza – è stata apprezzata da molti docenti".

“L’Università di Bologna non ha intenzione di fermarsi: questa prima settimana di didattica a distanza l’ha dimostrato con grande forza. Gli studenti, i docenti, i ricercatori e tutto il personale stanno facendo uno sforzo straordinario per superare questa emergenza”, commenta il rettore Francesco Ubertini. “E i risultati non andranno perduti: sono convinto che questo grande esperimento delle lezioni a distanza potrà far emergere molti spunti e indicazioni utili per migliorare la fruizione della didattica nei prossimi anni. Oggi siamo riusciti a far ripartire l’attività formativa, missione principale dell’università, ma il mio augurio è che le nostre aule possano presto tornare a riempirsi di studenti e che l’Alma Mater possa riprendere anche la sua preziosa funzione di aggregatore sociale”.

Mentre prosegue la didattica online, tutte le altre attività dell’Università di Bologna restano garantite e tutti gli uffici e le strutture rimarranno aperti. Come previsto dalle indicazioni nazionali, musei, biblioteche, sale studio, segreterie studenti e servizi al pubblico saranno aperti con modalità di fruizione tali da evitare assembramenti di persone e tali che i visitatori possano rispettare la distanza tra loro di almeno un metro. Con queste disposizioni, domenica 8 marzo, in occasione della Giornata internazionale della donna, l'ingresso a tutti i Musei e le Collezioni dell’Ateneo sarà gratuito per tutte le donne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento