Coronavirus, l'annuncio del Premier: "Chiudiamo ogni attività produttiva non indispensabile"

"La decisione - ha detto Conte - è chiudere ogni attività produttiva che non sia indispensabile per produrre beni e servizi essenziali"

Il Premier Giuseppe Conte si è collegato in diretta Facebook per annunciare ulteriori misure restrittive. "Ho scelto la linea della trasparenza e della condivisione e di non nascondere la realtà, è la crisi più difficile dal secondo Dopoguerra. La morte di tanti concittadini è un dolore che ogni giorno si rinnova, quelle che piangiamo non sono numeri ma persone e storie. Dobbiamo rispettare tutte le misure, anche se sono severe, ma non abbiamo alternative, dobbiamo resistere per tutelare noi stessi e le persone che amiamo. E' un sacrificio minimo rispetto a quello dei medici, degli infermieri e delle forze dell'ordine, penso ai commessi dei supermercati, agli autotrasportatori".

"La decisione - ha detto Conte - è chiudere ogni attività produttiva che non sia indispensabile per produrre beni e servizi essenziali. Abbiamo stilato una lista dettagliata di attività necessarie, restano aperti i supermercati, i negozi di generi alimentari, mantenete la calma, non c'è ragione di una corsa agli acquisti. Restano aperte anche le farmacie, parafarmacie, attivi i servizi postali, bancari, assicurativi, e il trasporto pubblico. Le altre attività non strategiche dovranno svolgersi in smart working. Ci prepariamo alla fase più acuta dell'epidemia, e dobbiamo contenere il più possibile il contagio", ha concluso il Premier.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella serata di sabato il presidente della Lombardia Attilio Fontana aveva emanato un'ordinanza con una serie di provvedimenti e multe salate - fino a 5mila  euro per chi sgarra - “consigliando” anche la chiusura delle fabbriche non strategiche, sostenuto anche dalle associazioni di categoria. Confartigianato, Legacoop, Confapi, Rete Imprese Italia sono per la serrata d'Italia. Confapi ha dichiarato in serata di chiudere le attività di impresa non essenziali e di affidare ai prefetti la sorveglianza. In pratica le misure annunciate dal Premier Conte in tarda serata. Il Presidente del Consiglio non ha indicato la data e i dettagli del nuovo provvedimento che prenderà la forma di un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento