Coronavirus, come comportarsi al rientro dalle vacanze all'estero

Se il soggetto ritiene di avere sintomi riconducibili al Covid-19 e pensa di essere venuto in contatto con una o più persone positive non bisogna rivolgersi direttamente al Pronto Soccorso

Come comportarsi se si decide di affrontare un viaggio n Spagna, Grecia, Croazia e Malta? La Regione Emilia Romagna ha comunicato che coloro che rientrano non sono tenute a fare quarantena preventiva. Tuttavia c'è l'obbligo di presentare al vettore all’atto dell’imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare controlli, l’attestazione di aver effettuato, nelle 72 ore antecedenti l’ingresso sul territorio nazionale, un tampone risultato negativo; sottoporsi a tampone al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine se possibile; e obbligo di comunicare al Dsp di riferimento dell’Ausl il proprio rientro per effettuare, entro 48 ore, un tampone.

Assistenti famigliari

Le assistenti famigliari stesse (o le famiglie presso le quali prestano opera), provenienti da Bulgaria e Romania, così come già facevano quelle provenienti da Paesi extra Ue ed extra Shengen, hanno l' obbligo di autodichiarare il loro ingresso sul territorio nazionale contattando il Dipartimento in orari d' ufficio. Una volta ricevuta la comunicazione dall’assistente familiare, personale del Dipartimento contatterà la persona interessata e pianificherà l’esecuzione del primo tampone all’arrivo e del secondo tampone al settimo-decimo giorno o, comunque, entro la fine del periodo di isolamento.Il Dipartimento verificherà, inoltre, le modalità di ingresso in Italia (trasporto aereo, ferroviario, marittimo, stradale) e l’idoneità dell’alloggio dell’assistente familiare, per consentire un adeguato isolamento.Se queste condizioni non ci sono, il Dipartimento provvederà ad alloggiare l’assistente familiare nelle strutture alberghiere convenzionate, con costi a carico delle istituzioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In caso di sintomi

Se il soggetto ritiene di avere sintomi riconducibili al Covid-19 (febbre, tosse, dolori muscolari diffusi, alterazione gusto e olfatto) e pensa di essere venuto in contatto con una o più persone positive non bisogna rivolgersi direttamente al Pronto Soccorso, o agli sportelli dell'Ausl della Romagna, ma contattare subito il medico di famiglia, oppure utilizzate i seguenti numeri telefonici: 118, 800 033 033 Numero Verde Servizio Sanitario Regionale e 1500 del Ministero della Salute. Gli ambulatori della Continuità Assistenziale (EX Guardia Medica) sono chiusi fino a nuovo avviso, ma il servizio è stato potenziato telefonicamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due anni di scavi per far emergere un pezzo di storia, anche il campo militare che ospitò Cesare

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

  • Lavori completati, riapre il supermercato: 700 metri quadrati, darà lavoro a 19 persone

  • Positiva una bambina di prima elementare, in quarantena 19 alunni

  • Scontro frontale all'uscita dal parcheggio, il centauro trasportato d'urgenza in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento