menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Pattuglione" della Polizia: blocchi e filtraggi lungo la via Emilia

Nella mattinata di mercoledì la polizia è stata impegnata in un servizio straordinario di controllo del territorio con un "pattuglione" che ha interessato la via Emilia nella zona di Diegaro, all'altezza dello svincolo con l'E45

Nella mattinata di mercoledì la polizia è stata impegnata in un servizio straordinario di controllo del territorio con un “pattuglione” che ha interessato la via Emilia nella zona di Diegaro, all'altezza dello svincolo con l'E45. Ridurre gli incidenti stradali e contrastare i fenomeni di criminalità diffusa, in particolare modo i furti: questo lo scopo dei controlli straordinari del territorio, disposti dal Questore di Forlì-Cesena Salvatore Sanna e approvati dal Comitato della Sicurezza Pubblica.

Diverse pattuglie di Commissariato, Polizia Stradale e Polizia Municipale sono state impegnate nei posti di blocco che hanno previsto controlli serrati e filtraggi di tutti i veicoli in transito. Il posto di blocco ha visto anche la presenza del sindaco di Cesena, Paolo Lucchi che ha voluto ringraziare il Questore di Forlì-Cesena, Salvatore Sanna con una lettera (inviata per conoscenza anche al Prefetto di Forlì-Cesena, dottoressa Rosa Erminia Cesari) per l’attivazione di posti di blocco e posti di controllo effettuati dagli agenti della Polizia.



Spiega una nota del sindaco: “I posti di controllo si ripeteranno anche nelle prossime settimane e si inseriscono perfettamente nel solco del contrasto alla criminalità perseguito anche dall’intenzione dell’amministrazione comunale di dotare la città di una rete di videosorveglianza capillare, veloce ed efficiente. Infine, nell’ottica della collaborazione fra le diverse istituzioni, il Sindaco ha voluto ribadire al Questore la disponibilità della Polizia Municipale a partecipare ad ogni servizio che possa essere utile a garantire la sicurezza della comunità cesenate”.

Sempre Lucchi: “Questa presenza così visibilmente tangibile delle forze dell’ordine, lascia intendere a chi – residente o proveniente da fuori città – consideri Cesena un luogo dove effettuare furti e rapine, che pianificare attività criminose nel nostro territorio stia diventando un po’ più difficile rispetto ad altre realtà, innescando un processo di disincentivazione alla presenza di malintenzionati. Certo, siamo tutti consapevoli di come queste attività, da sole, non siano sufficienti a raggiungere gli obiettivi di sicurezza che ogni giorno i cittadini ci pongono, ed è per questo che occorre proseguire celermente per portare a compimento tutte le azioni pianificate dal Comitato per l’Ordine e la Sicurezza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento