Lavoratori in nero in pescheria, lavanderia e dal parrucchiere: scattano le sanzioni

I militari nell'ultimo mese hanno ispezionato una serie di attività commerciali e artigianali con verifiche in vari negozi dislocati nel Cesenate

Serie di controlli sulla regolarità del lavoro da parte dei carabinieri del nucleo specializzato dell'Ispettorato del lavoro. I militari nell'ultimo mese hanno ispezionato una serie di attività commerciali e artigianali con verifiche in vari negozi dislocati nel Cesenate. A finire nei guai sono stati i titolari di una pescheria di Savignano sul Rubicone, di una lavanderia di Cesena e di un parrucchiere cinese di Cesena, in quanto trovati ad impiegare, ogni attività,  un lavoratore in nero, vale a dire in servizio senza la comunicazione al Centro per l'impiego o all'Inps. Sono state quindi staccate multe da 2.125 a 5.800 euro, oltre che disposta la sospensione dell'attività. I carabinieri dell'Ispettorato del Lavoro hanno inoltre sanzionato due commercianti uno di Cesena e l'altro di Civitella di Romagna, in quanto utilizzavano impianti di videosorveglianza idonei al controllo a distanza dei lavoratori senza averne dato comunicazione. La multa è di 780 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento