menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Contributi ministeriali per i centri estivi, a Mercato Saraceno sostegno economico per i ragazzi

“Il Comune di Mercato Saraceno ha deciso di contribuire, oltre alle spese vive dei gestori, anche alle spese delle famiglie mercatesi che hanno iscritto o iscriveranno i propri figli ai centri estivi"

Grazie al fondo di 150 milioni di euro stanziati sul Decreto rilancio dal Dipartimento per le politiche della famiglia, e con il confronto di Regioni e ANCI, sono stati assegnati ai Comuni che hanno manifestato interesse i fondi per potenziare i centri estivi e contrastare la povertà educativa. Lo stanziamento è stato affidato ai comuni in base alla popolazione residente. Anche Mercato Saraceno riceverà un contributo che sarà in parte dedicato al sostegno dell'organizzazione dei centri estivi, in parte all'aiuto dei minori disabili che frequentano le attività, e in parte alle famiglie residenti.

“Il Comune di Mercato Saraceno - dichiara l'assessore Giulia Paci - ha deciso di contribuire, oltre alle spese vive dei gestori, anche alle spese delle famiglie mercatesi che hanno iscritto o iscriveranno i propri figli presso centri estivi accreditati del comune, contribuendo all'abbattimento della retta. La sospensione di tutte le attività educative e scolastiche in presenza ha comportato per i bambini e i ragazzi la perdita non solo della scuola, punto di riferimento essenziale per la crescita, ma anche degli amici, dello sport, dell’oratorio, del gioco all'aperto, della possibilità di abitare ed esplorare il proprio ambiente”.

"L'amministrazione comunale ha cercato di raccogliere, seppur con grande difficoltà, le idee provenienti dal territorio, accreditando 4 centri estivi ed offrendo un servizio dai 6 ai 14 anni, da pochi giorni allargato anche alla fascia 3-6, e mettendo a disposizione gratuitamente alcune delle sedi scolastiche del territorio. Il contributo potrà essere richiesto dalle famiglie che non hanno ricevuto altri sostegni, come Inps o regionale tramite il Progetto conciliazione vita-lavoro. Il contributo erogato dal Comune coprirà dal 50% al 100% della retta settimanale, per un massimo di due settimane, fino ad esaurimento dei fondi. Sarà possibile fare richiesta a fine periodo centri estivi,  compilando la modulistica che sarà resa disponibile in seguito all'avviso che sarà pubblicato sul sito del Comune".

“E' doveroso - conclude l'Assessore Paci - esprimere un sentito ringraziamento a tutti i soggetti che hanno accettato la sfida di organizzare i centri estivi in un momento estremamente complicato come quello attuale. Ed ora, grazie ai contributi statali, una risposta concreta anche alle famiglie."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una bontà tradizionale: la ricetta delle Pesche dolci all'alchermes

Arredare

Divano nuovo? Ecco i consigli per non sbagliare l'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento