Contratti telefonici truffaldini, errori di banche e operatori di luce e gas: recuperati 316mila euro di rimborsi

Sono i principali motivi per i quali i cittadini del territorio di Forlì-Cesena si sono rivolti alla Federconsumatori, l'associazione della Cgil per la tutela dei consumatori

Problemi con gli operatori della telefonia mobile, con gli erogatori di servizi quali luce, gas e acqua e con le banche: sono i principali motivi per i quali i cittadini del territorio di Forlì-Cesena si sono rivolti alla Federconsumatori, l'associazione della Cgil per la tutela dei consumatori. In totale le azioni di tutela hanno permesso di recuperare un totale di 316mila euro di rimborsi, circa 300 euro ad azione in media. 

Per l'esattezza Federconsumatori quest'anno ha elaborato 1020 pratiche di reclami, di cui 722 per il territorio di Forlì e 294 per quello di Cesena cosi suddivise per settore: telecomunicazioni  649; servizi finanziari 77; beni di consumo, elettrodomestici, auto e  arredo  49; energia elettrica, gas e acqua 103;  pubblica  amministrazione 20; servizi relativi al tempo libero e servizi generali 10;  servizi trasporto 17; sanità 4. Sono state conciliate  nel settore delle telefonia 817 pratiche, grazie alle  quali i cittadini hanno recuperato 260.000 euro: in media 318  euro per ogni pratica. Inoltre sono stati risolti 280  reclami e contenziosi con “privati” (vertenze in primis con commercianti e artigiani) che hanno portato nelle tasche dei cittadini 56.000 euro per un totale 316.000 euro recuperati sotto forma di rimborsi. Inoltre Federconsumatori e Sunia (il sindacato degli inquilini) hanno  registrato 4.500 presenze tra gli uffici di Forlì e di Cesena. C'è allo studio anche un progetto per portare uno sportello saltuario nei comuni minori, per l'utenza anziana, mentre per i giovani Federcosumatori sta varando uno sportello online.

"Federconsumatori ha una rete di 95 sportelli in Emilia-Romagna, con 16mila iscritti e circa 9mila pratiche di contenzioso gestite in regione" illustra il dato emiliano-romagnolo il presidente regionale Marcello Santarelli, che lancia la prossima sfida dell'associazione: "Si tratta della conciliazione nel trasporto ferroviario locale, ad oggi si può pretendere un rimborso solo con biglietti superiori ai 12 euro di importo". Santarelli ricorda inoltre l'impegno anche per la formazione, con l'incontro di circa 3.500-4.000 giovani sui temi dei diritti e la privacy sui social network.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Affitti

Il Sunia, il sindacato degli inquilini nel 2018  ha registrato un totale di 776  iscritti così suddivisi: 256  iscritti per affitti con privati (165 a Forlì e 91 a Cesena) e 520 per affitti pubblici con Acer. Al 20 dicembre 2018sono stati elaborati 226 contratti di locazione, 32 contratti di comodato d'uso gratuito, 105 asseverazioni. Conclude Basir “Nel mese di dicembre 2017  abbiamo siglato un protocollo di intesa con il comune di Forlì relativo alla politica abitativa ed sempre a dicembre 2017 abbiamo rinnovato e siglato l'accordo territoriale con l'associazione dei proprietari e con il Comune di Forlì. Ieri il 19 dicembre 2018 abbiamo firmato altri due accordi territoriali di Cesena e di Cesenatico che entrano in vigore dal 1 gennaio. Inoltre è nostra intenzione di elaborare altri due accordi territoriali per i due circondari di Forlì e di Cesena per quanto riguarda i Comuni con meno 10.000 abitanti”, conclude Basir.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenda nel parcheggio del Bufalini, Cesena tra le prime città a sperimentare i tamponi "drive-through"

  • Da giorni non si avevano sue notizie, anziano trovato morto nell'appartamento

  • San Cristoforo piange l'ultima vittima del Coronavirus: "Era socievole e attivo nel volontariato"

  • Cresce il 'focolaio' nella casa di riposo, 15 contagiati. "Guarito un agente della Polizia Locale"

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Una 'maschera' che agevola la comunicazione tra sanitari e pazienti: l'intuizione dell'azienda

Torna su
CesenaToday è in caricamento