Consiglio comunale, il primo atto: dichiarata l' "Emergenza climatica" dei Fridays for Future

Durante la prima seduta del nuovo consiglio comunale, è stata discussa e approvata la “Dichiarazione di Emergenza Climatica” proposta dagli attivisti di Fridays For Future Cesena

Durante la prima seduta del nuovo consiglio comunale, è stata discussa e approvata la “Dichiarazione di Emergenza Climatica” proposta dagli attivisti di Fridays For Future Cesena, l’assemblea locale che fa capo al movimento ambientalista globale fondato nel 2018 dalla sedicenne svedese Greta Thunberg. Prima della discussione tutti i consiglieri delle opposizioni, tranne Vittorio Valletta di Cesena Siamo Noi, hanno abbandonato l’aula consiliare. La mozione è stata presentata da Enrico Rossi del PD dopo quasi sei ore di consiglio comunale ed è stata approvata all’unanimità.
Commentano in un nota i militanti di Fridays For Future Cesena: “La nostra richiesta prevede un impegno formale e una presa di responsabilità da parte delle istituzioni attraverso interventi concreti e incisivi che limitino le emissioni nette di CO2. Cesena così si aggiunge ai comuni di Milano, Napoli, Aosta, Lucca, Padova, Acri, Torchiarolo e oltre 600 giurisdizioni in 13 paesi del mondo che hanno già dichiarato l’emergenza climatica e diventa la prima città della regione Emilia-Romagna ad impegnarsi a trattare i cambiamenti climatici come un’emergenza”.

“La crisi climatica ha una dimensione mondiale e nessun consiglio comunale può affrontarla da solo. Dichiarare l’emergenza significa far pressione sugli organi regionali e nazionali affinché venga fatto altrettanto. Questa strategia funziona e la dimostrazione arriva dalla Gran Bretagna, dove dopo che 50 consigli comunali hanno dichiarato l'emergenza, il Parlamento si è visto obbligato a fare lo stesso. La mozione prevede di predisporre iniziative che vadano nella direzione della riduzione delle emissioni, degli agenti inquinanti e dell'introduzione di energie rinnovabili per incentivare il risparmio energetico nei settori della pianificazione urbana, nella mobilità, negli edifici, nel riscaldamento e raffreddamento”.

I VIDEO:
Il sindaco Enzo Lattuca presta il giuramento
Nicoletta Dall'Ara eletta presidente del Consiglio
Primo atto dell'assise: l'emergenza climatica

Ed ancora: “Il Comune ha deciso di impegnarsi inoltre a rispettare lo sviluppo del progetto del Piano d'Azione per l'Energia Sostenibile e il Clima (PAESC) approvato dalla precedente amministrazione comunale. Fridays For Future ha insistito affinché nella mozione fossero almeno presenti dati oggettivi e quantificabili in termini di tempistiche e quantità di emissioni che il Comune intende ridurre. Richiesta accolta dal consiglio comunale che introduce il limite temporale di 6 mesi della messa in atto delle iniziative volte alla riduzione delle emissioni di CO2”.

Tra gli emendamenti proposti dall’opposizione è stato votato favorevolmente il coinvolgimento di tutte le scuole di ogni ordine e grado del territorio comunale, nella messa in pratica di iniziative per far conoscere la Dichiarazione di Emergenza Climatica, attraverso attività eseguite da associazioni e professionisti competenti in materia. "Capiamo che, per il Comune, molte scelte necessarie per contrastare i cambiamenti climatici e per sviluppare un cambiamento culturale cittadino non siano scelte popolari - affermano i ragazzi di Fridays For future - Ma quando parliamo di contrasto alle emissioni di CO2 non è possibile non menzionare l'indotto industriale locale e coinvolgere chi inquina nella proposta di soluzioni".

E' già frattura al primo consiglio comunale: l'opposizione lascia l'aula
Eletto il presidente del Consiglio comunale: è Nicoletta Dall'Ara

Ed ancora: “Questo è uno degli aspetti discussi durante l’incontro del 19 giugno tra gli attivisti e il Sindaco Lattuca insieme all’Assessora allo Sviluppo Ambientale e Progetti Europei Francesca Lucchi. Infatti, da sempre Fridays For Future dichiara che il cambiamento culturale dei cittadini passa non solo attraverso il ruolo che svolgono le associazioni, le scuole e le Università, ma anche attraverso il monitoraggio del rispetto delle leggi come, ad esempio, le sanzioni per la gestione dei rifiuti, per il mancato rispetto delle procedure indicate nei piani di emergenza regionali per qualità dell'aria, etc. Siamo consapevoli che la strada è lunga e che ci saranno occasioni future per sottolineare questi aspetti all'amministrazione comunale, nel frattempo abbiamo ottenuto un primo passo formale con la dichiarazione di emergenza climatica da parte della città di Cesena, prima tra tutte in Emilia Romagna".

Con la dichiarazione di emergenza climatica, a pochi più di quattro mesi dalla nascita del comitato locale, arriva il primo grande successo politico per i ragazzi di Fridays For Future Cesena che, durante la campagna elettorale, sono riusciti a spostare il dibattito sull’importanza dei temi ambientali. L'obiettivo adesso è estendere la mozione anche ai Comuni limitrofi come, ad esempio, Mercato Saraceno, Savignano, etc. fino a dare man forte agli attivisti dello stesso movimento delle città vicine: Forlì, Rimini, Ravenna ed a tutti principali Comuni dell’Emilia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei prossimi mesi il movimento ambientalista sarà impegnato in una serie di eventi e convegni per coinvolgere la cittadinanza e spiegare quali sono le conseguenze del riscaldamento globale. Oltre al lavoro di sensibilizzazione, i ragazzi del movimento vigileranno costantemente sul consiglio comunale, in attesa che il neo sindaco rispetti l’impegno di creare una consulta ambientale e porti avanti la promessa di una messa al bando della plastica monouso, per una Cesena “plastic free” entro il 2021, auspicando politiche sempre più lungimiranti per migliorare la qualità dell'aria della nostra città e il coinvolgimento delle imprese locali per rendere davvero Cesena un modello green per la regione e non solo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento