Coniugi accampati davanti al Comune: "Dal dormitorio all'agriturismo, soluzioni sempre rifiutate"

L'assessore Labruzzo: "Ai coniugi sono state proposte diverse soluzioni alternative sin da subito rifiutate dagli stessi con motivazioni poco valide e realistiche"

Una vicenda di disagio abitativo in città  su cui erano stati accesi i riflettori da parte dei consiglieri della Lega. "Per alcune settimane una coppia ha passato gran parte della giornate accampata davanti al portone della sede comunale in piazza del Popolo, dove hanno anche affisso un cartello in cui dichiarano, per iscritto, di dormire in macchina, di non essere aiutate da nessuno, nè ascoltate dai vertici dell’amministrazione", avevano affermato i consiglieri leghisti.

Sulla vicenda dei coniugi accampati sotto il loggiato comunale, arriva la risposta dell’assessore ai servizi sociali Carmelina Labruzzo, in replica all'interrogazione del gruppo consiliare della Lega.

"Ai coniugi sono state proposte diverse soluzioni alternative sin da subito rifiutate dagli stessi con motivazioni poco valide e realistiche. Tuttavia i Servizi Sociali del Comune hanno sempre risposto positivamente a tutte le richieste avanzate dagli stessi garantendo un sostegno economico se avranno un contratto di locazione e se la loro condizione economica non dovesse risultare idonea", spiega Labruzzo.

Viene ripercorsa tutta la spinosa vicenda: "I coniugi sono entrati in contatto con i Servizi Sociali del Comune di Cesena a metà settembre 2019. Il complesso iter è stato avviato nel mese di settembre 2019 dopo che i coniugi per protesta si sono accampati sotto il loggiato del Municipio. In quel momento i Servizi hanno comunicato agli stessi l’impossibilità della presa in carico, non essendo residenti, e hanno concesso loro la possibilità di usufruire del dormitorio di Via Strinati. Una soluzione – spiega l’Assessora – mai presa in considerazione, se non per una notte. Dall’autunno del 2019 ad oggi infatti i Servizi Sociali hanno proposto alla coppia un ventaglio di soluzioni abitative (dormitorio, un domicilio valido in modo da consentire loro l’iscrizione anagrafica a Cesena nella via fittizia dei senza fissa dimora (Via delle Stelle), una sistemazione temporanea in una struttura ricettiva) del tutto rifiutate o trascurate".  

"La presa in carico del Servizio - prosegue Labruzzo - è avvenuta il 21 ottobre 2019 quando i coniugi hanno raccontato di non avere più una casa in seguito all’interruzione del loro programma di protezione per collaboratori di giustizia. Pur potendo contare su modeste entrate economiche mensili, sin dalla prima presa in carico il Servizio ha riconosciuto ai coniugi alcuni contributi economici, tra questi anche l’erogazione dei buoni spesa. Nell’aprile scorso inoltre è stato offerto alla coppia un ingresso in un albergo. Poco dopo l’Assistente Sociale è stato contattato da uno dei coniugi che gli ha comunicato di “essersi introdotto con la compagna in un alloggio sfitto” del Comune e che “l’ha trovato aperto”. L’Assistente Sociale ha comunicato agli stessi che si tratta di un’azione illegittima e che gli stessi sarebbero andati incontro ad azioni legali. Il 29 aprile il Servizio Sociale ha informato ACER dell’occupazione abusiva e il 6 maggio è stata presentata una denuncia dall’Acer di Forlì-Cesena. Successivamente la coppia ha comunicato di essersi recata, senza preavviso, all’agriturismo e di avere accettato l'offerta". 

Nel mese di giugno una situazione che sembrava andare verso al risoluzione visto che " la coppia ha comunicato di aver trovato una casa in affitto da privati. Per questa ragione ha chiesto al Servizio Sociale un contributo economico. La commissione del Gruppo Tecnico degli Assistenti Sociali e del Responsabile del Servizio Famiglie e Marginalità ha approvato un contributo di 1.000 euro per la copertura delle spese della caparra". 

Ma, spiega l'assessore Labruzzo "Esattamente un mese dopo, a seguito di un ulteriore colloquio con l’Assistente Sociale, si è appreso del mancato ingresso nell’alloggio del privato, che nel frattempo aveva ritirato la sua disponibilità; in quella sede la coppia ha fatto sapere di voler tenere da parte i 1000 euro nell’eventualità di una nuova occasione di affitto e di aver aggiunto a quella cifra ulteriori 450 euro di tasca propria. L’assistente sociale ha accettato la proposta chiedendo alla coppia di contribuire all’affitto versato all’agriturismo. Alla coppia inoltre è stato anche proposto di individuare eventuale altra soluzione alloggiativa di loro gradimento (in quanto ritenevano l’agriturismo un po’ fuori mano), confermando la disponibilità del Servizio Sociale ad aiutarli economicamente con una contribuzione mensile. La coppia ha accettato. In agosto i coniugi hanno comunicato di aver lasciato l’agriturismo e di aver trovato un alloggio a Cesena. Da quel momento non ci sono stati ulteriori contatti con il Servizio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento