menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confartigianato, le acconciatrici: "Una piega per lo Ior, aiutiamo le donne in chemioterapia"

Torna “Una piega per lo Ior” una iniziativa di solidarietà a cui aderiscono acconciatrici ed acconciatori aderenti a Confartigianato Cesena in collaborazione con altri promotori

Torna “Una piega per lo Ior” una iniziativa di solidarietà a cui aderiscono acconciatrici ed acconciatori aderenti a Confartigianato Cesena in collaborazione con altri promotori. Il 14 marzo alcuni saloni di Cesena, come alcuni della Romagna, saranno eccezionalmente aperti di domenica (anche solo alcune ore) per offrire ai clienti una piega di bellezza ad offerta minima di dieci euro. Il ricavato andrà a sostegno del Progetto Margherita, avviato da anni con successo e che si prefigge di offrire parrucche gratuite alle donne in chemioterapia. Una ragione importante per farsi belli e belle di domenica.

“Siamo vicini ai problemi di tutte quelle persone che combattono la malattia con la chemioterapia – rimarca Sandra Castorri, presidente Confartigianato Benessere Cesena –  ancora una volta in prima linea a dare il proprio contributo -: per questo, nel nostro piccolo, vogliamo prendere un impegno nei loro confronti, contribuendo con il nostro lavoro a donare le parrucche a tutte le donne che oltre ad affrontare una situazione molto complicata spesso non possono permettersi questa spesa".

Non si tratta semplicemente di una questione estetica: la perdita dei capelli in seguito ai trattamenti provoca un impatto profondo sul benessere psicologico, sull’autostima e sulla stabilità emotiva della donna, resa già fragile dalla diagnosi. Molte donne dichiarano di temere maggiormente la calvizie dello stesso tumore, e ciò impatta in maniera molto importante non solo sulla qualità di vita della donna che si presta alle cure, ma anche sulla ‘compliance’ alle terapie e, di conseguenza, sull’efficacia delle stesse. “Il nostro gruppo di acconciatrici – afferma la presidente Castori – è da sempre in prima linea per le iniziative solidali e anche ai tempi della pandemia, continuando a lavorare in sicurezza, siamo felici di poter contribuire ad alleviare la sofferenza delle persone e a incoraggiare per affrontare le difficoltà con coraggio e fiducia”. Col Progetto Margherita l’Istituto Oncologico Romagnolo mette a disposizione la professionalità di un parrucchiere e l’accoglienza di un volontario, che si prendono il tempo necessario per coccolare la paziente, metterla a suo agio ed aiutarla nella scelta della parrucca che meglio si adatta al suo viso. 

Nel 2019, anno precedente la pandemia, sono state 471 le donne che hanno scelto una parrucca presso le sedi Ior: ben più di una al giorno. Gran parte del segreto del successo della campagna si deve alle varie iniziative dei parrucchieri, che hanno sposato l’iniziativa con trasporto ed entusiasmo: chi semplicemente esponendo il barattolo delle offerte presso il proprio salone, chi organizzando dei veri e propri eventi. In questo senso “Una Piega per lo Ior” è l’iniziativa più rappresentativa in quanto i professionisti di bellezza forniscono la propria competenza in maniera assolutamente gratuita, mettendola a disposizione a sostegno del Progetto Margherita. Oltre ai pazienti, infatti, i parrucchieri sono i primi ad avvertire la necessità di un tale servizio: sono molti a riferire di essersi presi cura di donne in chemioterapia presso i loro esercizi, spesso non adeguati alla necessità di privacy e delicatezza che tale presa in carico esige.  “Una Piega per lo Ior” si è rivelato un evento apprezzato dalle clienti di tutta la Romagna, che anche quest’anno approfitteranno dell’iniziativa per far sentire la propria vicinanza anche alle donne che soffrono.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Mare e terra in un piatto gustoso: la seppia coi piselli

Ristrutturare

Muri portanti: cosa c'è da sapere prima di modificarli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento