Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Caos biglietti dei Foo Fighters, l'Adoc: "TicketOne faccia chiarezza"

"Si diffonde il sospetto di strutture parallele, dedite ad attività di cyber bagarinaggio, che danneggiano peraltro la reputazione di questi siti ufficiali di vendita"

“L'evento del concerto dei Foo Fighters a Cesena il 3 novembre 2015, da grande sogno collettivo, vista l'impresa compiuta dagli organizzatori di Rockin’1000, rischia di tramutarsi in una colossale delusione. Ovviamente non è in discussione il grande gesto di attenzione di questo gruppo musicale, che raccogliendo questo invito ha dimostrato grande sensibilità per i propri fan. Neppure sono attribuibili responsabilità agli organizzatori di Rockin’1000, che hanno anzi realizzato con un'idea geniale un risultato di grande impatto mediatico in tutto il mondo. La responsabilità è nella gestione della vendita di biglietti on line”: lo dice Giorgio Casadei per l'associazione di consumatori Adoc.

Su Facebook, infatti, monta la protesta per la cattiva gestione dei pochi biglietti disponibili messi in vendita. Nella serata di venerdì sono "usciti", infatti, tagliandi anche al costo di 928 euro l'uno. Un'assurdità. Ma c'è anche chi ha interpellato l'associazione dei consumatori: “Sono giunte alla nostra associazione diverse denunce da parte di consumatori, circa le modalità di acquisto on line. Nello specifico ci risulta che la possibilità di acquisto dei biglietti, si è esaurita in pochi istanti. Nello stesso tempo ci è stato segnalato che in alcuni siti di trovavano tali biglietti al prezzo di 250 euro l’uno (il prezzo è salito a circa 650 euro, ndr). Alcuni hanno inserito nel carrello l’acquisto dei biglietti salvo alla conferma del pagamento, trovare visualizzato un messaggio di errore che impediva il completamento dell’acquisto. Tale strana coincidenza di eventi lascia molti dubbi sulla gestione del servizio di vendita, nonché sul rispetto delle norme di tutela dei consumatori e in particolare sulla trasparenza dell’operazione commerciale posta in essere”.

> BIGLIETTI IN RIVENDITA A PREZZI FOLLI: LA PROTESTA PER "BAGARINAGGIO"
> BIGLIETTI ESAURITI IN 4 MINUTI: RABBIA E DELUSIONE

Quindi la richiesta, rivolta a TicketOne, gestore della prevendita online: “Si auspica anche un intervento dei siti abilitati a tali vendite, atto a fornire, nell’interesse dei consumatori, chiarimenti opportuni, anche per scongiurare episodi analoghi in futuro. A maggior ragione anche perché si diffonde il sospetto di strutture parallele, dedite ad attività di cyber bagarinaggio, che danneggiano peraltro la reputazione di questi siti ufficiali di vendita. Naturalmente l'Adoc di Cesena, non può nel giro di pochi giorni risolvere un problema così complesso, ma è certamente convinta di dovere porre grande attenzione a questa situazione”, conclude Casadei.

> IL VIDEO: ROCKIN' 1000: IL CARTONE ANIMATO DI PRESENTAZIONE
> IL VIDEO: ECCO LA CLIP UFFICIALE CHE E' DIVENTATA VIRALE SU YOUTUBE

> TUTTI NE PARLANO: CENTINAIA DI USCITE SUI MEDIA DI TUTTO IL MONDO
> IL SOGNO SI REALIZZA, DAVE: "CESENA VENIAMO, TI AMO"
> L'ANNUNCIO: SOLO IL GIORNO PRIMA UFFICIALIZZATA LA DATA

> LA RIFLESSIONE: "DAL ROCKIN' 1000 TRARRE UNA LEZIONE SUI GIOVANI" 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos biglietti dei Foo Fighters, l'Adoc: "TicketOne faccia chiarezza"

CesenaToday è in caricamento