Con l'improvvisazione teatrale alla scoperta dei borghi romagnoli: ecco "Altrove"

Altrove è anche l'occasione di scoprire angoli meno conosciuti di Romagna, organizzare una passeggiata nei tanti percorsi che costellano le nostre colline, provare una trattoria o una delle attività che con passione mantengono vive queste località.

In un tardo pomeriggio d'estate, mentre il sole si avvicina lento al morbido orizzonte di verdi colline e le ombre delle case in pietra si allungano sul selciato della piazzetta del borgo, cinque improbabili impiegati statali si apprestano a mettere in scena uno spettacolo, inviati dal sedicente Dipartimento per la Promozione e la Valorizzazione dello Spettacolo dal Vero, per portare il teatro nelle piccole comunità dell'appenino romagnolo.

Questa è un po' l'immagine di "Altrove", un progetto ambizioso ed un po' folle, che va completamente controcorrente rispetto alla costante ricerca di un pubblico di massa, nato da un'idea di Enrico Gentili dell'associazione Theatro di Cesena con l'intento di portare spettacoli di improvvisazione teatrale nei piccoli borghi e comunità del entroterra Romagnolo, luoghi con poche decine di abitanti, o anche meno, dove raramente si possono trovare eventi culturali o di intrattenimento. Gli spettacoli, completamente gratuiti, sono anche l'occasione per incontrare gli abitanti e conoscerne le piccole e grandi storie, raccoglierne le memorie ed il folclore, un vero e proprio tesoro nascosto, che corre sempre più il rischio di essere perso e dimenticato, in luoghi dove lo spopolamento ha ridotto drasticamente gli abitanti e, nella maggior parte dei casi, resistono solo pochi anziani.

Altrove è anche l'occasione, per chi abita in città, di scoprire angoli meno conosciuti di Romagna, organizzare una passeggiata nei tanti percorsi che costellano le nostre colline, provare una trattoria o una delle attività che con passione mantengono vive queste località. Gli abitanti del borgo sanno con qualche giorno di anticipo dove e quando si svolgerà lo spettacolo, mentre chi viene da "fuori" pur conoscendo la data, scoprirà il luogo solo il giorno precedente lo spettacolo, questo per dare una sorta di precedenza agli abitanti e mantenere un'atmosfera più familiare durante lo spettacolo; nonostante questo tanti spettatori si sono appassionati ad Altrove e ci raggiungono da tutta la Romagna.

"Da oltre un anno stiamo portando avanti questo progetto, abbiamo messo in scena 4 spettacoli, a Formignano, Ville di Montetiffi (7 abitanti!), Rontagnano e Miniera di Novafeltria, i risultati sono incoraggianti e ci spronano a trovare sempre nuove località, nelle prossime settimane avremo una serie di date, ma ovviamente non possiamo ancora svelare i luoghi. Ci saranno diverse sorprese e cercheremo di metterci sempre più alla prova raggiungendo borghi ancora più remoti.". Il progetto al momento viene portato avanti senza alcun contributo pubblico, ma solo grazie alla passione e l'impegno degli attori che lo mettono in scena oltre al supporto dell'associazione Theatro e di alcuni abitanti e amici dei vari borghi.

Per scoprire i prossimi appuntamenti si può seguire la pagina Facebook di Theatro Cesena. (Chi volesse ulteriori informazioni può contattare l'associazione: enrico@theatro.it)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento