menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comune, Ausl e associazioni fanno rete: sforzo comune contro la piaga degli "Hikikomori"

Il Protocollo, spiegano i firmatari, fornisce le premesse per la creazione di una realtà organica in grado di dare una risposta efficace alle nuove forme del disagio dei giovanissimi

Una rete territoriale in grado di rispondere alle nuove forme di disagio dei minori e dei giovani adulti in stretta collaborazione con le istituzioni della salute, dell’istruzione, dell’educazione, delle politiche sociali e il terzo settore. Muove i primi passi a Cesena il Protocollo di intesa sul malessere dei minori e dei giovani adulti sottoscritto dal Comune di Cesena, dall’Ausl della Romagna e dalle Associazioni “Hikikomori Italia Genitori”, “Michelangelo – Cesena” e “Volo Oltre – Cesena”.

 Il Protocollo, spiegano i firmatari, fornisce le premesse per la creazione di una realtà organica in grado di dare una risposta efficace alle nuove forme del disagio dei giovanissimi: saperle riconoscere e comprenderle, cercare di prevenirle con interventi specifici e mirati e contrastarle efficacemente, nel rispetto della persona. “Sempre di più – spiega l’Assessora alle Politiche giovanili Carmelina Labruzzo – sul nostro territorio si parla del nuovo fenomeno degli hikikomori (ritirati sociali), della loro paura nei riguardi della vita reale e del senso di vergogna che provano nel relazionarsi agli altri. Particolarmente delicati poi sono il rapporto con il cibo e con il proprio corpo, la gestione delle emozioni e la correlazione con la rabbia e la frustrazione. Tutte queste criticità possono influire negativamente sullo sviluppo della persona condizionandone l’identità. Per questa ragione abbiamo sottoscritto un Protocollo con lo scopo di garantire il pieno diritto al benessere e alla felicità ma anche di garantire una condivisione e un confronto propositivo degli interventi già in atto e in divenire con i bisogni della persona, con gli obiettivi di politica scolastica, della salute e del benessere del territorio”.

Il Comitato tecnico venutosi a creare con la sottoscrizione del Protocollo è la premessa per la creazione di un Gruppo di Lavoro territoriale che progetti interventi rivolti prioritariamente a persone in condizioni di malessere e fragilità con bisogni educativi speciali. La redazione del Protocollo infatti è il frutto degli incontri di sensibilizzazione promossi e avviati da Alex Cavallucci presidente CUFO di Cesena (Comitato Utenti, Familiari e Operatori del Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche), nominato anche a capo del Comitato, e ai quali hanno preso parte le famiglie e i rappresentanti delle diverse realtà scolastiche del territorio. 

“Oggi – affermano il Direttore del Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’Ausl Romagna Claudio Ravani e il Presidente CUFO Alex Cavallucci – è quanto mai urgente mettere in campo concrete azioni di sensibilizzazione attraverso una conoscenza più approfondita delle dimensioni del malessere dei minori e nei giovani adulti. Il nostro compito è inoltre quello di individuare i fattori di predisposizione personali, familiari e sociali, i fattori di rischio nei contesti famiglia, scuola e territorio, le credenze errate e i segnali premonitori delle diverse forme di disagio. Per tale ragione il Comitato auspica l’individuazione di un percorso condiviso che potrà portare a realizzare azioni efficaci che favoriscano una migliore gestione del malessere e la promozione del benessere nei vari contesti. Azioni condivise per l’assistenza di alunni e studenti anche con evidenti fattori di rischio di abbandono scolastico e allontanamento dalla vita sociale”. 

A questo si aggiungeranno iniziative atte a favorire la diffusione e il recepimento del Piano Regionale per l’adolescenza dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna 2018-2020 e altri momenti pubblici funzionali alla tutela del diritto allo studio, della salute e del benessere di alunni e studenti e delle loro famiglie con evidenti fattori di rischio di abbandono scolastico e allontanamento dalla vita sociale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento