Un grande cerchio umano in spiaggia ricorda le vittime della strage di Orlando

Ispiratore dell'iniziativa è stato l'animatore Francesco Gibilaro, a tutti noto in riviera come MrCubanito e Lola Star, il personaggio al femminile che interpreta nelle sue serate drag queen

Un grande cerchio di uomini, donne e bambini, tutti per mano in memoria dei 50 ragazzi morti nell'attacco terroristico a sfondo omofobico accaduto domenica notte a Orlando negli Stati Uniti. La manifestazione di solidarietà si è svolta al bagno Hawai, a Valverde di Cesenatico. Ispiratore dell'iniziativa è stato l'animatore Francesco Gibilaro, a tutti noto in riviera come MrCubanito e Lola Star, il personaggio al femminile che interpreta nelle sue serate drag queen.

"Come tutti i giorni ho iniziato con la ginnastica dolce, ma invece di terminare con il ballo del saluto, ho deciso di fare un minuto di silenzio per le vittime di Orlando - ha commentato Gibilaro, da tempo impegnato con l'associazione GayLib in una forte lotta contro l'omofobia, partita come lui dalla lontana provincia di Caltanissetta in Sicilia -. Noi, io in prima persona, stiamo cercando di lottare contro questa continua omofobia che ancora attanaglia la nostra realtà. Speriamo ci siano più controlli da parte della Polizia attorno ai locali gay, anche qui in Riviera. Purtroppo siamo diventati un bersaglio. Per ora spontaneamente in tantissimi si sono aggiunti a questo enorme cerchio per essere vicini, almeno con il pensiero, a tutte quelle famiglie distrutte dal dolore. Grazie di cuore".

"Francesco con il suo gesto spontaneo ha dimostrato cosa significa essere veri attivisti per i diritti civili. Semplicemente vivere come le cose che pensi e che dici. Sempre e ovunque", ha dichiarato il segretario nazionale di GayLib, Daniele Priori. L'associazione ha inviato una lettera al Capo della Polizia, Franco Gabrielli. ”Ciò che è successo a Orlando non  dovrà mai accadere in Europa o in Italia. Per questo, senza voler fare in alcun modo allarmismo – conclude il presidente di GayLib, Enrico Oliari -  chiediamo che le strutture già attive nella prevenzione dei crimini contro le persone lgbt, come l’Oscad (Osservatorio contro gli atti discriminatori) in Italia, accendano in maniera più dettagliata e visibile i loro riflettori anche, se servisse, aumentando la sicurezza nei paraggi dei locali lgbt in Italia, per prevenire ipotesi di attacchi terroristici ai danni della nostra comunità. Ci attiveremo perché questo accada”. 

GIOVANI DEMOCRATICI - Anche i Giovani Democratici di Cesena hanno espresso il proprio cordoglio agli Stati Uniti e alla comunità LGBT americana e mondiale "per il triste attentato che purtroppo ha causato la morte di almeno 50 giovani, lasciandone feriti un numero ancora maggiore. Ancora una volta, come successe a Parigi, è stato colpito un luogo di ritrovo di molti ragazzi e ragazze, che rischiano di pagare il prezzo più alto di questa ondata d’odio. Il folle gesto di aprire il fuoco in un locale è stato compiuto ovviamente per fanatismo e radicalismo religioso ma anche per odio omofobico: un odio alimentato da coloro che ogni giorno diffondono un clima di disprezzo e rifiuto nei confronti di una realtà diversa dalla propria. Abbiamo oggi una generazione di giovani da difendere dall’intolleranza e dalla paura".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Alla luce di quanto accaduto, la difesa dei diritti e delle libertà individuali si conferma una priorità decisiva e dopo l’importante passo in avanti in Italia rappresentato dal D.d.l. sulle Unioni Civili (che come GD consideriamo debba essere il primo passo verso il Matrimonio Egualitario) noi crediamo che sia arrivata l’ora, non più rimandabile, di approvare anche la legge sul contrasto all’omofobia, che giace ferma da tre anni in Senato - proseguono -. Questo perché è anche attraverso la tutela dei più deboli e le campagne di sensibilizzazione volte alle giovani generazioni che possiamo contenere e in futuro eliminare episodi così drammatici.In attesa che un giorno finalmente anche in Italia si raggiunga al più presto la piena uguaglianza ribadiamo la nostra vicinanza all'intera comunità di Orlando".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento