A 25 anni dalla morte si ricorda la figura di Benigno Zaccagnini

"Quando venne eletto segretario della Democrazia cristiana Enzo Biagi lo aveva salutato in questo modo: «Si vede che i miracoli ancora esistono perché non si capisce come un personaggio così atipico come lei possa andare a piazza del Gesù»"

Mercoledì sera Cesena ricorda il 25esimo anniversario della scomparsa di Benigno Zaccagnini. L’appuntamento è a palazzo Ghini (Corso Sozzi 39) alle 20,45. Spiega una nota di presentazione: "Persona impegnata, politico retto, medico e partigiano, Zaccagnini ha ispirato e spinto al servizio della comunità un’intera generazione, rinnovando da segretario nazionale (tra il 1975 e l’80) una Dc che cominciava a mostrare segni di logoramento dopo trent’anni di governo".
 

“Quando venne eletto segretario della Democrazia cristiana Enzo Biagi lo aveva salutato in questo modo: «Si vede che i miracoli ancora esistono perché non si capisce come un personaggio così atipico come lei possa andare a piazza del Gesù»”. La citazione è dell’onorevole Pierluigi Castagnetti che, mercoledì sera, terrà un ricordo di Zaccagnini come “Uomo e politico retto e giusto”.

L’associazione culturale cesenate che porta il nome di Zaccagnini ha invitato per l’occasione anche il gesuita padre Bartolomeo Sorge, già direttore per lunghi anni di Civiltà cattolica e della rivista Aggiornamenti sociali. Sorge, teologo e politologo, parlerà de “Il volto cristiano della politica”. Una presenza, la sua, di assoluto rilievo dato che l’85enne gesuita centellina ormai le sue uscite pubbliche. Per commemorare questa importante figura di cristiano impegnato in politica ha ritenuto comunque di essere presente all’appuntamento di Cesena.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Zaccagnini morì a Ravenna il 5 novembre 1989. Appena quattro giorni dopo a Berlino crollava il muro. Si chiudeva un’epoca e, con la guerra fredda, anche la Prima repubblica italiana andò presto in soffitta. Eppure il ricordo di Zac, come veniva affettuosamente chiamato dai suoi sostenitori, resta più che mai attuale: è il simbolo di un anti-potere che risveglia le folle, stimola i giovani e spinge le persone in politica per il solo desiderio di servire il bene comune e costruire un futuro migliore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento