menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scommesse, il Comitato contro il gioco d'azzardo e Mosaico appoggiano Lucchi

I promotori della petizione contro il gioco d'azzardo contro l'accordo di sponsorizzazione della nazionale di Calcio con una società di scommesse sportive e di gestione di gioco d'azzardo online

I promotori della petizione contro il gioco d’azzardo contro l’accordo di sponsorizzazione della nazionale di Calcio con una società di scommesse sportive e di gestione di gioco d’azzardo online. "Nell’ottica della cittadinanza attiva che ha contraddistinto un gruppo di cittadini di Cesena sul tema del gioco d’azzardo, che ha portato alla realizzazione di una Petizione Popolare che ha raccolto in città circa 3.000 firme e l’organizzazione di una fiaccolata molto partecipata in Piazza Magnani lo scorso 29 aprile 2016, prendiamo posizione a fianco di tante Associazioni, Istituzioni, cittadini in tutta Italia, per denunciare l’inopportuna scelta della Federazione Italiana Gioco Calcio (FIGC), presieduta da Carlo Tavecchio, di sottoscrivere un accordo di sponsorizzazione della nazionale di Calcio con Intralot, società di scommesse sportive e di gestione di gioco d’azzardo on line", esordiscono dal comitato.

"La scelta è grave e contrasta i valori sani ed educativi dello sport che nulla hanno a che fare con il mondo dell’azzardo e dispiace che l’accordo sia stato firmato in un momento storico di rinnovate iniziative a livello nazionale e locale di prevenzione e contrasto al gioco d’azzardo e proprio nel giorno in cui Papa Francesco , durante l’incontro su ‘sport e fede’, promosso dal Pontificio Consiglio della Cultura, ha sostenuto che lo sport è un’attività umana di grande valore e  veicolo di integrazione sociale, rilanciando la sfida di mantenere la genuinità dello sport, di proteggerlo dalle manipolazioni e dallo sfruttamento commerciale - continuano -. Lo Stato è chiamato a promuovere il gioco veramente responsabile e consapevole, mentre è certo che l’azzardo produce ludopatia sempre più diffusa anche a causa della pubblicità ingannevole che produce tragedie personali e dissesti finanziari".

Il Comitato sostiene "l’iniziativa dell’Amministrazione comunale di Cesena di netta distanza da tale scelta della Figc e volontà di ritirare la disponibilità ad ospitare a Cesena la fase finale degli europei under 21 che si terranno nel 2019 se la stessa Figc non tornerà sulle proprie decisioni. E’ assolutamente condivisibile la scelta del sindaco Paolo Lucchi di rinunciare ad un evento così importante per difendere valori e principi fondamentali che sono alla base della convivenza nella nostra Comunità, anche come segno tangibile e forte di un percorso di prevenzione e contrasto che l’Amministrazione ha intrapreso. Crediamo che i valori vadano difesi anche con iniziative forti e concrete come questa".

"Il nostro gruppo di cittadini ha avviato un percorso di ulteriore contrasto al gioco d’azzardo i cui principi sono contenuti nella petizione popolare che ha raccolto in città tanto sostegno; alcuni punti sono già stati realizzati, ma rimane centrale adottare quanto prima nei regolamenti comunali e nel Piano Strutturale Comunale di prossima discussione limiti di prossimità a luoghi sensibili (scuole, parchi, parrocchie e strutture sanitarie) e forti limitazioni agli orari di apertura e un maggior controllo da parte delle forze dell’ordine nelle zone dove sono già operative sale con Slot Machine e vlt e contiamo in un rinnovato e rafforzato dialogo con il Comune di Cesena e tutte le Istituzioni coinvolte per realizzarle", concludono dal Comitato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento