Cronaca

Cinema San Biagio, i gestori: "Danni causati dall'usura del legno, i proiettori pagati 120mila euro"

I gestori si difendono: "Il pavimento si è sollevato a causa dell'usura del legno, per i proiettori abbiamo investito 120mila euro. Vicenda strumentalizzata"

Arriva la replica della Cineforum Image, società gestrice del cinema San Biagio. Venerdì era arrivata l'accusa del Comune di Cesena, che aveva addebitato agli attuali gestori di aver danneggiato la struttura e di aver sottratto due proiettori. 

Durante un sopralluogo dello scorso 27 febbraio, il Comune spiegava "di aver trovato l'accesso alla Sala di proiezione 'sbarrato' dai sigilli dei vigili del fuoco,  dato che nella Sala di proiezione, in corrispondenza della pedana nera, si riscontrava un avvallamento del pavimento dovuto, come ha raccontato lo stesso attuale gestore, alle operazioni di asporto del proiettore digitale". 

Replicano i gestori, la cui concessione è in scadenza (5 marzo), ribadendo la versione già data dal loro avvocato Gabriele De Bellis: "Lo stato dell'immobile non è riconducibile ad attività messe in atto da noi, è assurdo dire che il pavimento ha ceduto a causa delle operazioni di smontaggio. Anche due ingegneri hanno appurato che il pavimento si è sollevato a causa dell'usura del legno, i proiettori non erano neanche posti sul punto più critico". 

Sui proiettori: "Li abbiamo comprati noi, investendo 120mila euro, il Comune non ci rinnova il contratto e dovevamo lasciarli? Senza quell'investimento non avremmo potuto svolgere l'attività. Tutta la vicenda sembra una strumentalizzazione perché il San Biagio chiuso è una brutta figura, siamo pronti alla causa legale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinema San Biagio, i gestori: "Danni causati dall'usura del legno, i proiettori pagati 120mila euro"

CesenaToday è in caricamento