Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Chiusura del viadotto Puleto e ristori alle imprese, Baccini: "Confidiamo di vedere risolto il problema"

"Più volte abbiamo sollecitato questa “stortura”, chiedendo una revisione dei criteri che consentisse a tutte le aziende danneggiate di ottenere un giusto ristoro dei danni subiti da quell’evento", evidenzia Baccini

Dopo la notizia della riammissione in discussione dell’emendamento che riconosce alle aziende danneggiate dalla chiusura del Ponte Puleto sulla E45, interviene anche il sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini che sostiene l’azione parlamentare portata avanti da deputato Marco Di Maio e dal consigliere regionale Massimo Bulbi. "Come abbiamo sempre ribadito fin dalla fase più acuta di quell’emergenza - precisa Baccini - i criteri inseriti all’interno del provvedimento del Governo per il ristoro dei danni prodotti dalla chiusura della E45 erano errati in quanto limitavano l’accesso alle risorse esclusivamente ai lavoratori in cassa integrazione ed alle imprese che avevano dovuto sospendere la loro attività".

"Dal provvedimento pertanto rimanevano escluse tutte quelle attività gravemente danneggiate dalla chiusura della E45, che avevano subito una drastica riduzione di volumi di attività e di affari ma, pur sostenendo costi maggiori e spese altissime, avevano rinunciato alla sospensione delle proprie attività per non venire escluse dal mercato di riferimento, ciò che avrebbe decretato una realistica chiusura definitiva - prosegue -. Si tratta soprattutto di imprese dell’autotrasporto e di aziende che esportano beni e prodotti nel territorio nazionale ed internazionale, insediate in tutto il territorio della Valle del Savio e del cesenate".

"Più volte abbiamo sollecitato questa “stortura”, chiedendo una revisione dei criteri che consentisse a tutte le aziende danneggiate di ottenere un giusto ristoro dei danni subiti da quell’evento ed ora accogliamo positivamente il fatto che l’emendamento al Decreto Milleproroghe, che contiene una revisione di quei criteri in linea con quanto richiesto, sia stato ammesso alla discussione parlamentare. E’ un primo passo non definitivo ma certamente essenziale per raggiungere il risultato auspicato – fa notare il sndaco di Bagno di Romagna -. A questo punto, con il nuovo Governo insediato e pronto lavorare su problemi concreti, auspichiamo che le varie forze politiche approvino celermente l’emendamento e che successivamente la struttura governativa dia rapido impulso alla distribuzione delle risorse. Si tratta, infatti, di un problema che rende ancor più acuta e difficoltosa la situazione delle imprese del nostro territorio di vallata, che dopo all’emergenza del Puleto si trovano ad affrontare anche l’emergenza del Covid. Per questo confidiamo di vedere risolto il problema entro i prossimi mesi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura del viadotto Puleto e ristori alle imprese, Baccini: "Confidiamo di vedere risolto il problema"

CesenaToday è in caricamento