menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiude un altro pezzo di commercio in centro: "Impossibile vendere articoli più pesanti"

Ora Alessandro e la nipote hanno deciso di chiudere e stanno svendendo tutta la merce. Ultimo giorno di apertura sarà il 24 dicembre

In centro storico chiude "F.lli Resi di Resi Giampaolo", conosciuto dai più come "I Mori" (per il colore dei capelli dei proprietari), negozio storico di casalinghi in via Pescheria 9, davanti all'edicola di piazza del Popolo. Chi non si è mai addentrato in quel paradiso di bicchieri, pentole, caraffe, posate, stampi per dolci dei più originali? Stanza dopo stanza gli articoli riempiono gli occhi, stuzzicando fantasia e palato e facendo pregustare tavolate arredate e imbandite col meglio che esiste sul mercato.

Più di 40 anni furono i fratelli Resi, con le rispettive mogli, ad aprire proprio nel cuore della città questo negozio che offriva ai clienti articoli da cucina molto specializzati e marche di prestigio che non si trovavano in nessun altro negozio. "Prima in quel palazzo c'era lì il ristorante La Torretta con annesso l'albergo, poi mio padre e mio zio - spiega Alessandro, l'attuale gestore insieme a una nipote - l'hanno acquistato e hanno aperto uno dei negozi del settore più grandi del centro storico. Per moltissimi anni con quella attività hanno dato da mangiare a due famiglie con 5 figli. Significa che funzionava bene. Poi i tempi sono cambiati".

Ora Alessandro e la nipote hanno deciso di chiudere e stanno svendendo tutta la merce. Ultimo giorno di apertura sarà il 24 dicembre. "Chiudiamo perché, checchèsenedica, la crisi da noi sembra non essere passata - spiega Alessandro - e poi da quando il centro è stato chiuso alle auto e i nostri clienti non possono più raggiungere il negozio con i mezzi, certi articoli più pesanti, come possono essere i servizi di piatti e di pentole, noi non riusciamo più a venderli. Speravamo anche nel rilancio del foro annonario, ma non è stato come immaginavamo. I clienti più affezionati ci hanno chiesto anche di cambiare luogo pur di non vederci chiudere, ma io in un centro commerciale non ci vado per principio e se devo cambiare per aprire in un'altra zona magari raggiungibile ma non frequentata, tanto vale chiudere e basta". Così Alessandro fra un po' si metterà a cercare lavoro e la sua vita andrà avanti normale, ma Cesena, nel frattempo, avrà perso un altro pezzetto di storia cittadina. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento