Chiedono un alloggio e da giorni dormono sotto il Comune, la protesta di 4 immigrati

Sono stati allontanati da un centro di accoglienza e da ormai diversi mesi sono alla ricerca di una sistemazione

Da ormai cinque giorni dormono davanti alla porta d'ingresso del Municipio. E' la protesta di quattro giovani nigeriani che sono stati allontanati da un centro di accoglienza e da ormai diversi mesi sono alla ricerca di una sistemazione. Neanche il gelo delle ultime notti li ha convinti ad interrompere la loro plateale protesta. Alcuni volontari che facevano parte dell'associazione Romagna Migrante li stanno aiutando a gestire la vertenza con le istituzioni in modo collettivo, aiutandoli soprattutto a tradurre le loro rivendicazioni al Comune.

"Abbiamo diritto ad essere reintegrati in un centro di accoglienza in base a una direttiva della prefettura - scrivono i nigeriani in un cartello affisso all'ingresso del Municipio - questa battaglia non è solo per noi ma per i tanti che si trovano in questa situazione. La polizia è venuta più volte a dirci di spostarci in un luogo dove la gente non possa vederci. Adesso il freddo è arrivato e dormire fuori è ancora più difficile. Non possiamo più nasconderci, rivendichiamo il diritto ad esistere".

In mattinata si è svolto un presidio in piazza del Popolo, come ha riportato sulla propria pagina Facebook il blogger Davide Fabbri. I quattro stranieri protestano contro il decreto Salvini, rifiutano di essere sistemati in dormitori, alcuni di loro lavorano come scaricatori di merci per aziende del territorio. Dopo il presidio i quattro nigeriani sono stati ricevuti in Comune dalle istituzioni competenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento