menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chef, baristi e camerieri: 150 giovani apprendisti dai fornelli ai banchi di scuola

Estate di lavoro e di studio per 150 giovani assunti come apprendisti nei settori del commercio e del turismo che hanno seguito presso lo Ial di Cesenatico le ore di formazione prevista dalle leggi nazionali e regionali

Estate di lavoro e di studio per 150 giovani assunti come apprendisti nei settori del commercio e del turismo che hanno seguito presso lo Ial di Cesenatico le ore di formazione prevista dalle leggi nazionali e regionali. Maria Luisa Bellavista, dirigente della scuola di ristorazione, presenta il consuntivo dell’attiva formativa per il piccolo "esercito" di camerieri, aiuto cuochi, baristi, addetti alle pulizie delle camere, segretari d’albergo e addetti ai servizi di spiaggia che nei mesi di giugno, luglio e agosto hanno frequentato i corsi di formazione per apprendisti.

Infatti la normativa prevede che gli assunti con contratto di apprendistato, oltre a lavorare, seguano obbligatoriamente un percorso formativo rientrante nell’orario di lavoro, che normalmente le aziende fanno gestire a enti come lo Ial Emilia-Romagna, che in regione ha sedi a Riccione e Cesenatico. Durante queste ore di lezione gli apprendisti affrontano argomenti attinenti le mansioni che svolgono nell’orario di lavoro quali tecniche di cucina per gli aiuto cuochi, tecniche di sala e bar per i camerieri, gestione del reclamo per addetti alla reception e così via, nonché temi più generali riguardanti i doveri e diritti verso l’azienda, la lettura della busta paga.

"Anche quest’anno – spiega la dirigente - una buona percentuale di apprendisti proveniva da fuori regione (Puglia, Campania e Sicilia), tanti da Paesi europei (Romania e Albania in particolare) e altri dall’Africa sub-sahariana, tra cui alcuni con permesso per motivi umanitari. Come Ial, proprio per andare incontro alle esigenze delle imprese e consentire comunque una formazione di qualità, beneficiamo solo del contributo erogato dalla Regione Emilia-Romagna per coprire le spese dei docenti, senza aggiungere nessun altro onere a carico delle aziende. Lo Ial di Cesenatico è attivo anche durante la stagione scolastica dove gestisce corsi per qualificare personale impiegato nella ristorazione e nell’attività alberghiera, siamo soddisfatti perché quasi tutti i ragazzi che escono dalla nostra scuola trovano poi lavoro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento