Rapinano una banca. Ammanettati mentre contavano i soldi

Rapina alla Bcc di Villalta. Fermati in quattro dai Carabinieri. Tre ore prima avrebbero fatto irruzione nella BCC di Villalta arraffando un bottino da 17mila euro. E' una banda specializzata in rapine composta da quattro persone

I Carabinieri di Cesentico hanno fatto irruzione nell'appartamento mentre i quattro rapinatori stavano ancora contando i soldi. Tre ore prima avrebbero fatto irruzione nella BCC di Villalta arraffando un bottino da 17mila euro. E' una banda specializzata in rapine composta da quattro persone Marletta Giovanni, Salamone Cristian Santo di Catania insieme ad una complice, anche lei sicula, e un'ultima di Rimini. Il condizionale è d'obbligo, ma le prove contro di loro sono schiaccianti tanto che i due catanesi sono già in carcere di Forlì con l'accusa di rapina in concorso.

I due rapinatori corrispondono alle immagini che sono state riprese dalle telecamere della banca e, all'interno dell'abitazione, sono stati rinvenuti oltre 19mila euro. 17mila frutto del bottino derivato dalle casse della banca e, se non bastasse, i carabinieri hanno rinvenuto anche sei cutter usati in altre operazioni. Il modus operandi era semplice ed efficace. I quattro si facevano scudo dell'essere icensurati e quindi più difficili da individuare e riconoscere. Mettevano a segno un paio di colpi ravvicinati e poi sparivano per alcuni mesi per poi tornare a colpire.

I due uomini facevano irruzione nella banca, uno scavalcava il bancone e si faceva consegnare i soldi mentre l'altro fungeva da palo. Tutto in pochi minuti anche se a Villalta ce ne hanno messi circa dieci. Il giorno precedente il colpo o il giorno stesso, i quattro avrebbero rubato un'auto, una fiat punto, con la quale si dileguano una volta usciti dalla banca. A poche centinaia di metri di distanza li aspettava un'auto pulita, una bmw che sarà parcheggiata vicino ad un appartamento riminese che non era passato inosservato ai militari del 112. E proprio a quel numero civico in via Ronco, un gruppo interforze dei Carabinieri ha fatto irruzione ammanettandoli in quattro.

La convalida dell'arresto richiesta dal Pm Marilù Gattelli c'è stata giovedì. Attualmente i due catanesi si trovano alla “Rocca” fino al processo dove dovranno rispondere di rapina in concorso. Le donne invece hanno l'obbligo di firma tre volte alla settimana.
Potrebbero essere gli autori di altre dieci rapine tra cui a Santangelo di Gatteo a settembre, ad ottobre a Longiano, a Forlimpopoli, due a Rimini, una a Villa Verucchio, una nel maceratese e una in Toscana.

IL VIDEO DI UNA DELLE RAPINE IN CUI SONO STATI COINVOLTI

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento